Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Demanio e patrimonio pubblici. Gli elementi della rifoma, aspetti fiscali e tributari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Demanio e patrimonio dello Stato 7 Stato o se dalla legge assoggettati al regime proprio del demanio pubblico. Risulta evidente la scelta del legislatore di individuare dei tipi o specie di beni, atteso che sarebbe stato impossibile elencare tutti i beni di una medesima specie, anche tenendo conto del fatto che col passare del tempo avrebbero potuto esserne individuati di nuovi. Ciò è confermato dalla previsione dell’ultimo capo della norma di cui all’art. 822 c.c., che infatti prevede la possibilità che esistano beni demaniali non espressamente richiamati in essa. Si pone, pertanto il problema ulteriore della delimitazione giuridica dei beni individuati, cui contribuisce a dare una risposta il successivo art. 823 c.c. In via di principio, la disposizione de qua afferma la inalienabilità dei beni demaniali, con la conseguenza della nullità assoluta di eventuali atti dispositivi di essi. Non si esclude, però che possano costituirsi alcuni diritti in capo a soggetti individuati, mediante concessioni, sempre che ciò sia previsto dalla legge. Se è vero quanto appena esposto, non sono altrettanto dati per veri, o almeno, pacifici, gli stessi

Anteprima della Tesi di Luisa Sellitti

Anteprima della tesi: Demanio e patrimonio pubblici. Gli elementi della rifoma, aspetti fiscali e tributari, Pagina 5

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Luisa Sellitti Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1994 click dal 05/05/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.