Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle regioni nello sviluppo dell'e-government

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il contesto - 22 - della Società dell’informazione, nonché delle connesse innovazioni per le PA, i cittadini e le imprese, con particolare riferimento alle strutture, alle tecnologie e servizi di rete, allo sviluppo dell’uso dell’ICT, della diffusione della cultura informatica e digitale” 15 . Il Ministro lavora di concerto con il Ministro della Funzione Pubblica al fine di assicurare l’efficienza, l’efficacia, l’economicità e la produttività delle amministrazioni e la trasparenza dell’azione amministrativa. La direttiva risponde alla necessità di una struttura apposita per lo sviluppo delle nuove tecnologie del paese e mostra consapevolezza dell’importanza di affrontare una rivoluzione digitale, che permetta all’Italia di competere con gli altri paesi europei. Presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri è stato, inoltre, istituito il Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie, struttura di supporto al Ministro Stanca. Mentre quest’ultimo ha funzioni d’organo di governo, definendo gli indirizzi politici- amministrativi, le priorità e gli obiettivi, il Dipartimento coordina le politiche relative allo sviluppo della Società dell’informazione e dell’innovazione nella PA, al fine di creare una strategia unitaria per la modernizzazione del paese. Tra le aree del Dipartimento, l’Area sviluppo e-government Regioni ed EE.LL., si occupa, nello specifico, di definire le linee guida, i finanziamenti, i progetti per l’attuazione dell’e- government a livello locale. Nel giugno 2002, attraverso le Linee Guida del Governo per lo sviluppo della Società dell'Informazione, il Ministro Stanca ha definito le politiche relative all'e- government, le iniziative rivolte alle Pubbliche Amministrazioni, armonizzate a quelle rivolte al sistema paese nel suo complesso, al fine di uno sviluppo coordinato e coerente di tutte le sue componenti. Le Linee Guida prevedono di conseguire 10 obiettivi nella legislatura, fissati dal Comitato dei Ministri per la Società dell'Informazione nel febbraio 2002, che riguardano le macro aree della messa on line dei servizi pubblici, dell'efficienza interna, della valorizzazione delle risorse umane, della trasparenza e della qualità. Gli obiettivi 15 Delega di funzioni del Presidente del consiglio dei ministri in materia d’innovazione e tecnologie al ministro senza portafoglio dott. Lucio Stanca, DPCM 9 settembre 2001 Tabella n. 4 - I 10 obiettivi per la legislatura 1. Fornitura online di tutti i servizi prioritari; 2. Emissione di 30 milioni di Carte d'Identità elettroniche; 3. Diffusione (entro il 2003) di un milione di firme digitali; 4. Approvvigionamento tramite e- procurement di beni e servizi della PA per il 50% della spesa; 5. Totalità delle comunicazioni interne alla PA tramite posta elettronica; 6. Gestione on line di tutti gli impegni e mandati di pagamento; 7. Alfabetizzazione certificata di tutti i dipendenti pubblici eleggibili; 8. Erogazione tramite e-learning di 1/3 della formazione dei dipendenti pubblici; 9. Accesso on line all'iter delle pratiche in 2/3 degli uffici della PA; 10. Sistema per valutare la soddisfazione del "cliente" in tutti gli uffici che erogano servizi. Fonte: Linee Guida del Governo per lo sviluppo della Società dell'Informazione

Anteprima della Tesi di Alessia D'alonzo

Anteprima della tesi: Il ruolo delle regioni nello sviluppo dell'e-government, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Alessia D'alonzo Contatta »

Composta da 285 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2486 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.