Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Divari interregionali nella disoccupazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 ché come le persone “imparano facendo” così “disimparano non facendo”; inoltre la di- soccupazione può generare una perdita di capacità cognitive per effetto della perdita di fiducia e del senso di controllo della persona senza lavoro. Per ciò che concerne ogni singolo lavoratore non occupato registra una perdita di reddito e ciò influisce sulla misura della disuguaglianza e sull’incidenza della povertà. Ampliando la visione della povertà, la natura della privazione del disoccupato compren- de anche perdita di libertà, che va al di là della diminuzione del reddito e può sfociare in una esclusione sociale, riferendoci non solo alle opportunità economiche, quali le assi- curazioni in favore dei lavoratori, e ai diritti alla pensione e alle prestazioni sanitarie, ma anche alle attività sociali, quali la partecipazione alla vita della comunità, che può essere assai problematica per le persone senza lavoro. Considerando la povertà che scaturisce da uno stato di disoccupazione, si può af- fermare che esso procura anche e soprattutto un danno psicologico quantificabile in una intensa sofferenza e stato di angoscia; addirittura studi empirici sulla disoccupazione hanno rilevato che ad alti tassi di disoccupazione sono interconnessi alti tassi di suici- dio, che è un indicatore del senso di insopportabilità che le vittime provano. L’effetto di una disoccupazione prolungata può essere particolarmente dannoso per il morale. Il nesso tra sofferenza psicologica e perdita di motivazioni è stato analizzato in modo illuminante da R. SOLOW. La disoccupazione giovanile può causare danni particolarmente gravi, che porta- no i giovani in età di lavoro e i lavoratori potenziali a una perdita di autostima persisten- te nel tempo.

Anteprima della Tesi di Aldo Feoli

Anteprima della tesi: Divari interregionali nella disoccupazione, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Aldo Feoli Contatta »

Composta da 452 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2114 click dal 28/06/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.