Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il grano in Sicilia nei secoli XIII-XV

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Chiesa e ai suoi fedeli laici instaurando una nuova struttura proprietaria. Questa nuova riorganizzazione della proprietà agraria, attuata dai Normanni, era volta a stabilire una gerarchia di poteri, autonomi nel loro ambito quanto fosse necessario alla loro funzione, ma rispondenti all’ordinamento politico voluto dalla famiglia degli Altavilla 6 . La novità che caratterizzò tutta la nuova struttura organizzativa e che influenzò le dinastie successive fu l’ingresso del mondo ecclesiastico nella storia politica isolana. Sul piano sociale esso operava per creare le nuove basi etico-politiche consone al nuovo Stato. Sul piano economico esso conduceva quasi da solo il ripopolamento delle terre e il loro recupero alla coltura, l’organizzazione ed il controllo del lavoro agrario delle grandi “signorie” vescovili o monastiche con cui si apriva un nuovo periodo della storia agraria isolana. La dinastia Normanna non fece alcuna distinzione fra le due figure che erano alla base della gestione feudale del regno, laici ed ecclesiastici, entrambi sottoposti ai medesimi obblighi e prestazioni verso il governo centrale 7 , portando il feudo siciliano a differenziarsi nella sua complessa peculiarità da quello europeo ed anche da quello normanno stesso, presente nelle terre pugliesi conquistate successivamente. Differenze che erano basate su un duplice aspetto: quello di dare un sistema amministrativo dipendente dal governo e in secondo luogo quello di infondere nuovo vigore alla produzione agricola. Tutti i territori controllati dal governo centrale erano gestiti 6 D’Alessandro V., Terra, nobili e borghesi nella Sicilia medievale, cit., pag. 44. 7 Caravale M., La feudalità nella Sicilia Normanna, in Atti del Congresso Internazionale di Studi sulla Sicilia Normanna, Palermo, 1972, pag. 25

Anteprima della Tesi di Domenico Ferraro

Anteprima della tesi: Il grano in Sicilia nei secoli XIII-XV, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Domenico Ferraro Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2377 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.