Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mediazione ed interposizione nella disciplina dei rapporti di lavoro dopo il d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

MEDIAZIONE ED INTERPOSIZIONE NELLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO DOPO IL D.LGS. 10 SETTEMBRE 2003, N. 276 10 I lavoratori subordinati sono visti come una fascia debole della popolazione e le garanzie poste dalla legge non riguardano soltanto le condizioni dell’ambiente in cui essi prestano la loro opera, ma, soprattutto, mirano a dare una certa stabilità all’attività da loro svolta. In tale contesto, sembrano passare in secondo piano le esigenze delle imprese. Una gestione economicamente vantaggiosa dell’attività d’impresa comporta, infatti, la facoltà di variare e, soprattutto, ridurre, i costi fissi a seconda delle esigenze della produzione e, inoltre, richiede il continuo aggiornamento del know-how a disposizione della medesima impresa 10 . Si assiste, piuttosto, ad una espansione della fattispecie del lavoro subordinato su due fronti: da un lato, l’estensione della visione vincolistica ha rappresentato per i lavoratori un incentivo a rivendicare la natura subordinata del rapporto, dilatando la fattispecie; dall’altro lato, invece, il fatto che la disciplina del lavoro subordinato prescinda dalla posizione di dipendenza economica e di debolezza contrattuale del prestatore di lavoro, include, in tal modo, nell’area della relativa tutela, ogni lavoratore, alla sola condizione che sia qualificato come lavoratore 10 In un mercato del lavoro totalmente flessibilizzato, infatti, le imprese acquistano esattamente la quantità di forza lavoro che serve ai loro programmi produttivi, adattandoli in tempo reale alle esigenze dei mercati di sbocco dei prodotti. Ciò significa, tuttavia, che la flessibilità, in questa prima fase, riduce l’occupazione piuttosto che aumentarla. L’incremento della produzione viene in questo caso interamente alimentato dall’incremento della produttività, non della forza lavoro occupata, che, pertanto, aumenta in misura meno che proporzionale rispetto all’aumento della produzione.

Anteprima della Tesi di Francesco D'amora

Anteprima della tesi: Mediazione ed interposizione nella disciplina dei rapporti di lavoro dopo il d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco D'amora Contatta »

Composta da 335 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4169 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.