Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mediazione ed interposizione nella disciplina dei rapporti di lavoro dopo il d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

MEDIAZIONE ED INTERPOSIZIONE NELLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO DOPO IL D.LGS. 10 SETTEMBRE 2003, N. 276 13 fino a giungere, con la legge del 24 giugno 1997, n. 196 14 , all’introduzione del lavoro temporaneo, ovvero di quell’istituto considerato da taluno come la fattispecie in cui la flessibilità si manifesta più compiutamente, in quanto esso dovrà rendere più versatile il reclutamento del fattore lavoro per il tempo strettamente necessario alle esigenze produttive, senza sostenere i costi derivanti dalla stabilizzazione del rapporto. La volontà manifestata dal legislatore di superare l’anelasticità che caratterizza il nostro sistema giuslavoristico ha, tuttavia, assunto nel tempo, come è stato notato dalla dottrina, una certa contraddittorietà 15 . Questa ambiguità deriva, in primis, dall’introduzione, come strumento di flessibilizzazione, di molti istituti del lavoro subordinato, della c.d. flessibilità “normata” 16 o “negoziata”, ad opera delle parti sociali. In secundis, si assiste al tentativo di regolamentare le tendenze evolutive emergenti dal mercato come risposta alle esigenze di flessibilità, andando quasi a cristallizzare un complesso di fenomeni utili ai bisogni della produttività solo in quanto adattabili alle diverse necessità delle imprese. Il legislatore, agendo in tal modo, pone in essere esclusivamente, come è stato autorevolmente rimarcato, delle 14 V Cap. I, sez. III. 15 Sul punto, SCIOTTI, Indagine critica sulla fattispecie lavoro temporaneo, in «Dir. Lav.», 1999. 16 Tale espressione è stata utilizzata da HERNANDEZ, in Il disegno di legge sui lavori “atipici”: verso nuove forme di rigidità?, cit., p. 391, che aggiunge: «Se la legge si sostituisce al contratto, proponendosi di realizzarne – di volta in volta –gli obiettivi attraverso la previsione normativa, essa non pecca soltanto di astrattezza, ma riduce o esclude l’area dell’autonomia»

Anteprima della Tesi di Francesco D'amora

Anteprima della tesi: Mediazione ed interposizione nella disciplina dei rapporti di lavoro dopo il d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco D'amora Contatta »

Composta da 335 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4169 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.