Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mediazione ed interposizione nella disciplina dei rapporti di lavoro dopo il d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

MEDIAZIONE ED INTERPOSIZIONE NELLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO DOPO IL D.LGS. 10 SETTEMBRE 2003, N. 276 14 «risposte inflessibili ad un’esigenza di flessibilità» 17 del sistema. L’evoluzione del mercato del lavoro richiedeva, quindi, un ulteriore intervento in senso innovativo. A tale decisiva svolta si arriva con il disegno di legge collegato alla Finanziaria 2002, contenente la “Delega al Governo in materia di mercato del lavoro”, deliberato dal Consiglio dei Ministri il 15 novembre 2001, figlio diretto del c.d. Libro bianco, presentato nell’ottobre 2001 dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Maroni e finalizzato a rinnovare il mercato del lavoro italiano in senso liberista. La legge delega (legge 14 febbraio 2003 n. 30, la c.d. Legge Biagi) subirà, tuttavia, una rilevante modificazione. Come noto, infatti, il disegno di legge originario conteneva anche altre deleghe, in materia di incentivi all’occupazione, ammortizzatori sociali, art. 18 dello Statuto dei Lavoratori ed arbitrato, che sono state stralciate nel giugno del 2002, inserite in un separato provvedimento (S/848bis) e che hanno poi formato in parte oggetto del c.d. “Patto per l’Italia” del 5 giugno 2002. 17 Così HERNANDEZ, Il disegno di legge sui lavori “atipici”: verso nuove forme di rigidità?, cit., p. 391, il quale, tuttavia, prosegue notando come si debba riconsiderare, allo stesso tempo, la funzione del diritto del lavoro: quella serie di “rigidità”, infatti, che sono servite, tutelando il lavoratore, alla creazione delle «condizioni per un più sereno sviluppo della persona, rischiano, oggi, di limitarla, deresponsabilizzandola eccessivamente, rispetto alle effettive capacità acquisite». L’autore sottolinea, inoltre, che «ad un lavoratore che ha ormai sufficientemente coltivato la sua persona non può negarsi ogni possibilità di autoregolamentazione dei propri interessi con riferimento specifico ai risultati che deve trarre dall’attività che svolge». V. anche il contributo di PESSI, I rapporti di lavoro tra autonomia e subordinazione nella prospettiva dell’integrazione europea, in «Riv. It. Dir. Lav.», 1992.

Anteprima della Tesi di Francesco D'amora

Anteprima della tesi: Mediazione ed interposizione nella disciplina dei rapporti di lavoro dopo il d.lgs. 10 settembre 2003, n. 276, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco D'amora Contatta »

Composta da 335 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4169 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.