Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi dell'industria discografica a seguito della pirateria e dell'effetto ''Napster'', il caso EMI

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo I – Il panorama dell’industria fonografica nel mondo e in Italia 15 Le variazioni di fatturato (fig. 5) presentano un andamento più eterogeneo. Cresce il giro d’affari in Spagna, mentre diminuisce quello dei mercati di Regno Unito, Italia, Francia e Germania; in Italia, in particolare, si è registrata la diminuzione più consistente, pari al 4%, nonostante il mercato italiano fosse cresciuto più degli altri e del 3% nel corso del 1999. Raffrontando poi il dato di volume (Unità vendute presenti in Tab. 1) con il dato di fatturato si può pensare, a parità di altre condizioni, ad una diminuzione nel livello dei prezzi nel mercato britannico, dove è diminuito il fatturato (-2,7%) a fronte di maggiori volumi di venduto (+6,1%). Figura 5 A livello di singolo fruitore (Tab. 2) trova conferma quanto già visto a livello nazionale riguardo alle unità vendute; aumenta infatti la fruizione media di supporti fra i consumatori inglesi e spagnoli.

Anteprima della Tesi di Alessandro Manunta

Anteprima della tesi: La crisi dell'industria discografica a seguito della pirateria e dell'effetto ''Napster'', il caso EMI, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Manunta Contatta »

Composta da 288 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12521 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 47 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.