Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dirigenza e spoils system

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

144 condizionamento di cui sembrano godere i ministri nei confronti della dirigenza grazie alla facoltà di «non–rinnovo» dell’incarico. Alle critiche sollevate in dottrina si aggiungono anche le censure alla disciplina mosse, in varie occasioni, dal giudice amministrativo (T.A.R. Lazio). Vengono ripercorse, in ordine logico, tutte le fasi della vicenda che hanno portato alla «non–risposta» della Corte Costituzionale nell’ordinanza n. 11/2002. Nel terzo capitolo vengono prese in esame le novità introdotte dalla recentissima legge di riordino della dirigenza (n. 145/2002). La nuova disciplina mantiene fermo il riparto di funzioni delineato nel 1998 e la distinzione fra rapporto di lavoro e rapporto d’ufficio del dirigente. Le novità più rilevanti riguardano sicuramente il conferimento degli incarichi dirigenziali. Ferma restando la temporaneità dell’incarico, scompare il riferimento al criterio della rotazione, viene ridefinito (in maniera più chiara) il rapporto tra provvedimento di conferimento e contratto individuale, vengono ritoccati i limiti temporali massimi degli incarichi (3 anni per quelli di dirigenza generale e 5 per gli altri) e, innovazione più criticata, viene cancellato il limite temporale minimo (di due anni) stabilito in precedenza. Questa ultima disposizione, accompagnata alla facoltà di «non–rinnovo» – lasciata inalterata dalla riforma, senza prevedere obblighi di motivazione e, tanto meno, senza ancorarla esplicitamente al sistema di valutazione – ha, secondo la dottrina, precarizzato ulteriormente la posizione del dirigente, la cui indipendenza e autonomia (e di conseguenza l’imparzialità dell’amministrazione) sono fortemente posti a rischio.

Anteprima della Tesi di Roberto Tonini

Anteprima della tesi: Dirigenza e spoils system, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Roberto Tonini Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7442 click dal 07/05/2004.

 

Consultata integralmente 67 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.