Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Costituzioni e costituzionalismo nel mondo islamico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 fra la gestione della sfera politica ed il ruolo sociale dell’Islam; è il periodo del cosiddetto Nuovo Ordine. L’emarginazione dell’Islam da parte di Sukarto spinge i capi delle confraternite e le organizzazioni socio-religiose islamiche a riconquistare potere e autorità a livello locale. Tuttavia anche nel momento di massima crisi politica, nel 1997, che segna la caduta di Sukarto, non si delinea nessuna forza decisamente orientata in senso fondamentalista che invochi l’instaurazione della Legge coranica. Esiste un gruppo di radicali, il dewan dakhwan islamiyan, che si ispira a Qutb e all’ideologia dei Fratelli Musulmani, ma è minoritario. Il movimento che raccoglie la maggior parte delle adesioni si chiama muhammadya e raccoglie i riformisti, coloro che ritengono necessario trovare un punto di equilibrio fra tradizione religiosa e modernità, esercitando l’interpretazione razionale della Legge codificata e cristallizzatasi nel tempo. Al contrario un ulteriore movimento, il nahdalatul ulama (letteralmente “la rinascita degli ‘ulama”), si propone di conservare i caratteri storici dell’Islam indonesiano, sostenuto da un seguito non indifferente. Il modello indonesiano è interessante proprio perché l’Islam sembra poter convivere felicemente sia con uno stato laico che con l’organizzazione pluralistica della comunità dei credenti. Lo stesso partito della rinascita degli ‘ulama nel 1984, per voce del suo leader, pur riaffermando la necessità di difendere l’integrità della tradizione islamica contro ogni forma di innovazione indebita, ribadiva la necessità di distinguere l’Islam dallo Stato: ogni sovrapposizione, sosteneva, avrebbe trasformato l’Islam in uno strumento di dittatura. 16 16 A. Feillard, Islam et société dans l’Indonésie contemporaine, L’Harmattan, Parigi, 1995.

Anteprima della Tesi di Alessandro Marcadelli

Anteprima della tesi: Costituzioni e costituzionalismo nel mondo islamico, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Marcadelli Contatta »

Composta da 162 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5218 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.