Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teatro e disagio psichico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3INTRODUZIONE Un progressivo ampliamento dei confini dell’arte teatrale ha portato, a partire dagli anni Sessanta, ad un avvicinamento di teatro e società. In seguito alla nascita dell’animazione teatrale, del teatro politico, dell’antropologia teatrale, uno fra i percorsi che si sono sviluppati è stato quello di un teatro sempre più attento a categorie sociali considerate “disagiate”, “svantaggiate”, “a rischio”. Negli ultimi anni del Novecento abbiamo quindi assistito ad esperienze che appartengono, sì, ad un ambito artistico, ma evocano necessariamente anche un contesto sociale: pensiamo, ad esempio, agli spettacoli in cui sono presenti carcerati, tossicodipendenti o portatori di handicap. Ora, il nuovo rapporto che si è creato ha a sua volta seguito due diverse strade: da un lato abbiamo il teatro per i disagiati, vale a dire rappresentazioni all’interno di reparti ospedalieri, prigioni o altri luoghi simili, mentre, dall’altro lato, troviamo il teatro con i disagiati. E’ proprio quest’ultimo caso che appare particolarmente interessante, visto il numero di produzioni recenti che sono risultate artisticamente apprezzabili. Nella mia ricerca, circoscritta all’Italia, ho studiato la relazione tra teatro e disagio psichico nelle sue differenti accezioni. Prima di addentrarci in qualsiasi considerazione, dobbiamo fermarci a riflettere sul significato dell’espressione “disagio psichico”: ci troviamo infatti in un campo di labile definizione, in cui non possiamo usufruire di valenze mediche precise, né tanto meno di regolamentazioni stabilite. Al di là di qualche legge non molto chiara e comunque non esaustiva, risulta concretamente difficile capire la legittimità e l’utilità di interventi all’interno del delicato settore della malattia mentale, il cui rigore scientifico può sicuramente essere messo in discussione; se poi questi interventi appartengono all’area artistica, anch’essa difficilmente definibile, appare chiara la complessità del problema.

Anteprima della Tesi di Simona Bracaloni

Anteprima della tesi: Teatro e disagio psichico, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simona Bracaloni Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11950 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.