Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teatro e disagio psichico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Inoltre, anche gli stessi gruppi, che ho contattato, sono stati molto disponibili: il Teatro Kismet, la Compagnia Pippo Delbono, Officina Off, il Giolli TdO, il Laboratorio Artaud, il Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli mi hanno inviato materiale, a volte anche inedito, che è risultato fondamentale per capire lo specifico svolgimento del loro lavoro, e stabilire paragoni e differenze. Rispetto alla documentazione su laboratori e compagnie con portatori di handicap diffuse su un circuito regionale o comunale, mi sono recata sul luogo e ho raccolto i programmi quando era possibile, mentre sono ricorsa al mezzo telematico quando si trattava di iniziative geograficamente inaccessibili. Devo segnalare, a questo punto, un’iniziativa molto utile in tal senso promossa dalla rivista “Teatri delle diversità” precedentemente citata: è apparso di recente il “Primo censimento di gruppi e compagnie che svolgono attività teatrali con soggetti svantaggiati/disagiati” (Vedi Appendice), una scheda da compilare e spedire in redazione per informare della propria esistenza. I risultati della ricerca saranno presentati a fine ottobre 2001, e ciò permetterà di avere un quadro più approfondito sulla diffusione di questo tipo di esperienza in Italia. Il censimento conferma dunque la mancanza di punti di riferimento istituzionali e il bisogno di maggiori informazioni in rapporto ai gruppi che conducono esperienze teatrali con soggetti disagiati. Le notizie diffuse riguardano infatti le compagnie che compaiono all’interno di un circuito professionistico, ma non tutte le esperienze intermedie. L’unico tentativo in senso istituzionale si trova nella creazione delle scuole per operatori teatrali nel campo del disagio (cfr. punto 1); i responsabili cercano di ottenere un riconoscimento da federazioni e associazioni attraverso creazioni di manifesti e certificati (confronta Appendice e capitolo 1), la cui validità appare però circoscritta all’ambito di derivazione; ciò rappresenta alla fine solo una sorta di autoproclamazione dall’interno di un intricato circuito di corsi spesso opinabili.

Anteprima della Tesi di Simona Bracaloni

Anteprima della tesi: Teatro e disagio psichico, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simona Bracaloni Contatta »

Composta da 221 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11950 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.