Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il pegno rotativo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 spossessamento, prelazione e facile escussione), si aggiunge quello della surrogazione, pattuita convenzionalmente dalle parti, dei titoli originariamente dati in pegno, assicurando così l’estensione del pegno ai titoli di nuova emissione 8 . La fattispecie del pegno rotativo ha fatto, però, sorgere dei problemi in ordine alla sua ammissibilità nel nostro ordinamento giuridico, ed, in particolare, ha sollevato il problema dell’ammissibilità di versioni consensuali di fattispecie reali, qual è per l’appunto il pegno. Molto si è discusso, inoltre, sulla possibilità di conciliare il meccanismo di sostituzione dei titoli con le modalità di costituzione del pegno, e cioè la necessità che la costituzione del pegno risulti da atto scritto avente data certa e contenente sufficiente indicazione del credito e del bene dato in pegno, al fine di renderlo opponibile ai terzi e garantire così l’esercizio del diritto di prelazione (art. 2787, terzo comma c.c.). La maggior parte della dottrina ha qualificato le versioni consensuali di fattispecie reali come contratti atipici; in tal modo la questione è stata limitata nel verificare se tali contratti perseguano “interessi meritevoli di tutela secondo l’ordinamento giuridico”, ai sensi dell’art. 1322, secondo comma, c.c. Il presupposto su cui la dottrina ha fondato tale affermazione è che, in un sistema dominato dal principio della libertà negoziale, le parti abbiano il potere di alterare il procedimento di formazione del contratto previsto dalla legge, e, quindi, di obbligarsi per mezzo del semplice consenso. Da un’analisi più approfondita, non sembra, però, ragionevole che l’ordinamento giuridico richieda per alcune fattispecie negoziali la realità, e quindi la consegna della cosa che forma oggetto del 8 R. Dabormida – D. Pistone, Conferme dalla Cassazione in tema di pegno rotativo, commento a Cassazione Civile, sez. I, 27 settembre 1999, n. 10685, in Il Corriere Giuridico 2000, pag. 1228.

Anteprima della Tesi di Valeria Orlando

Anteprima della tesi: Il pegno rotativo, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Valeria Orlando Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2683 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.