Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema dell'efficacia soggettiva dei contratti collettivi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Coronamento del sistema fu l’istituzione delle corporazioni, enti di diritto pubblico di grado superiore, che, formate dalle rappresentanze dei sindacati contrapposti dei datori e dei prestatori di lavoro, erano chiamate a realizzare " l'organizzazione unitaria delle forze della produzione " (VI dichiarazione della Carta del lavoro), realizzando l'armonia dei fattori della produzione. A tal fine esse erano investite di poteri di autoregolamentazione in materia economica e di rapporti di lavoro (attraverso le c.d. ‘ordinanze corporative’). La legge, inoltre, attribuì alla Corte d’Appello funzioni di Magistratura del Lavoro; a questa dovevano essere deferite, oltre che le controversie individuali di lavoro in grado d'appello, tutte le controversie collettive, non solo quelle relative all'applicazione dei contratti collettivi, ma anche quelle che sorgevano dalla richiesta di nuove condizioni di lavoro in caso di mancato accordo in sede di contrattazione collettiva. In questo caso il giudice avrebbe svolto una funzione di supplenza dell'azione sindacale, nel momento in cui i contrapposti sindacati corporativi non fossero riusciti a stipulare un valido contratto collettivo. La Magistratura del Lavoro doveva giudicare, in linea con i canoni corporativi, secondo equità, contemperando gli interessi dei datori di lavoro con quelli dei lavoratori, e tutelando, in ogni caso, gli interessi superiori della produzione (in altre parole l'interesse pubblico dell'economia). A conclusione di questa costruzione il legislatore fascista sancì l'illiceità penale dello sciopero e della serrata che, in un sistema siffatto, furono qualificati come delitti contro l’economia pubblica.

Anteprima della Tesi di Gianluca Nigro

Anteprima della tesi: Il problema dell'efficacia soggettiva dei contratti collettivi, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianluca Nigro Contatta »

Composta da 273 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4937 click dal 11/05/2004.

 

Consultata integralmente 32 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.