Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Economia della Conoscenza. Il distretto ICT Torino Wireless

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 saranno sottoposti ad una pressione continua di creazione/distruzione di impianti, imprese o distretti industriali 1 . La perdita di competitività di un paese può, in tempi straordinariamente brevi, trasformarsi anche in un declino dell’industria e del benessere sociale. Per una serie di ragioni diverse, stanno cambiando i paradigmi dell’innovazione. Da fenomeno prevalentemente od esclusivamente tecnologico, coincidente, o quasi, con l’allocazione di risorse in attività di R&S, l’innovazione sta diventando un fenomeno multidimensionale. L’esperienza storica insegna che il settore delle imprese è il motore dell’innovazione. La trasformazione della conoscenza e la sua incorporazione in nuovi prodotti, processi e servizi è un campo di attività specifico delle imprese, non delle università e dei laboratori pubblici di ricerca. Tuttavia, sempre più si riconosce che la capacità innovativa non può svilupparsi in isolamento, dal momento che è, inevitabilmente, influenzata dall’ambiente in cui è immersa. Di fatto, la produzione della conoscenza assume un carattere sempre più collettivo ed interattivo, si assiste ad una intensificazione delle relazioni di cooperazione tra istituzioni ed imprese. L’innovazione non investe più solo il sistema tecnologico, ma anche il capitale cognitivo e l’intera organizzazione delle strutture imprenditoriali, con rilevanti implicazioni sul ruolo, sulla qualità e sulle competenze del capitale umano. Nell’organizzazione basata sulla tecnologia ciò che rende produttiva la forza lavoro è il sistema, sia questo la “one best way” di Frederick W. Taylor, la catena di montaggio di Henry Ford od il “total quality management”. Il sistema tecnologico incorpora la conoscenza e garantisce la produttività, consentendo 1 Varaldo, R., (2003) “L’Innovazione nell’era della conoscenza e della globalizzazione”, Fondazione Lucchini pp.5

Anteprima della Tesi di Giancarlo Cicconi

Anteprima della tesi: L'Economia della Conoscenza. Il distretto ICT Torino Wireless, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giancarlo Cicconi Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7515 click dal 12/05/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.