Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Economia della Conoscenza. Il distretto ICT Torino Wireless

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 L’innovazione tecnologica, legata a consistenti investimenti in R&S, è un campo in cui le grandi imprese riescono, di norma, a godere di vantaggi decisivi rispetto alle imprese minori. Il nuovo contesto innovativo, invece, non postula una relazione biunivoca tra capacità innovativa e dimensione aziendale. Viene sottolineata l’importanza, sia dell’ambiente organizzativo ed umano dell’impresa che del contesto locale in cui essa opera, come determinanti dei processi innovativi. La dimensione aziendale rimane un fattore rilevante, ma solo se si affianca ad una qualità strategica dell’impresa e ad un ambiente adatto per creare conoscenza ed innovazione. Nel nuovo scenario le piccole e medie imprese, tranne che nei settori ad alta intensità di economie di scala e di scopo, non partono perdenti per ragioni strutturali, e cioè per il fatto di essere piccole, lo diventano se non riescono ad esprimere elevate capacità innovative al pari delle grandi imprese. Le piccole e medie imprese, nonché le start-up, spesso godono di vantaggi comparati rispetto alle grandi, nel caso di innovazioni che comportano un maggior grado di cambiamento e limitati costi di sviluppo. Questi vantaggi sono piuttosto evidenti, di fronte a discontinuità tecnologiche che richiedono cambiamenti radicali dell’architettura dei prodotti esistenti o della loro catena distributiva. Le piccole imprese godono dell’attributo della snellezza, caratteristica assente nelle grandi imprese spesso “condannate” dal percorso di crescita prescelto (path dependency). Le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, per il loro carattere di tecnologie aspecifiche (general purpose technologies), facilitano il livello di diffusione dell’informazione e stimolano comportamenti innovativi in tutti i settori ed in tutti gli ambiti di un’organizzazione. Tentando una generalizzazione, pur nell’estrema varietà dei casi, è lecito sostenere che

Anteprima della Tesi di Giancarlo Cicconi

Anteprima della tesi: L'Economia della Conoscenza. Il distretto ICT Torino Wireless, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giancarlo Cicconi Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7515 click dal 12/05/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.