Skip to content

Un modello e un sistema per l'analisi e la segmentazione del movimento umano. Uno studio sulla danza

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduction These phases are preparation, attack, decay, sustain, release and overshoot (Mazzarino, 2003). Laban, talking about gesture, considers three phases: preparation, stroke (execution) and retraction (of the arms back close to the body) (Zhao, 2001). The temporal duration of every phase varies according to its execution: the more difficult or more precise the execution of a certain movement, the longer its arrangement (so the duration of the preparation phase). Posture influences all the three phases (Bindigavanale and Badler, 1998) and an entire paragraph is devoted to this issue, since postural attitudes influence our way to move, act and also to be steady. As in Camurri, Lagerlöf and Volpe’s study our work is focused on dance: in their paper (2002) the three authors approach the genre of modern dance to find a nonpropositional style of movements (since the basis of natural body expression can be developed in terms of dance movements). We dealt with videos about choreographies of contemporary dance. A spontaneous question may be: why a dancer? Why not a simple person moving and doing normal daily activities? Our attention has been focused on dance, since it is an artistic expression of human gesture and the field of dance is enriched by many facets 8 . As already stated, dancers and actors are, in most cases, taught the techniques that can be used to evoke an emotion and they are able to amplify some gestures, postures or defects. They are also able to emphasize some movements or pauses. In fact, not only motion is important in expressive content communication: pauses also play an overriding role. During them the body can assume a particular posture and body postures are often considered as expressive gestures with a relevant function in conveying expressive content to the audience (Argyle, 1980). Moreover, we have tried to focus our work on the analysis of motion regarding the whole body, not just a few joints: literature, instead, is full of researchers who took into account just parts of the body (Cutler and Turk, 1998; Zobl, Wallhoff and Rigoll, 2003; Masoud and Papanikolopoulos, 2003). A main aim for which we have focused on segmentation is that, dealing with movies, it may sometimes be an impossible or heavy task to extrapolate the necessary features without dividing the long stream of moves in minor parts. Within each motion segment, semantic and style information may, then, be extracted. The problem is: which feature is best suited for motion segmentation? Will it allow segmenting according to the same criteria that a human observer (who, normally, notices the changes of actions looking, most of all, at which are the limbs moving, at how much they are moving, etc.) would use? Should it be just one feature or more, according to the type of video and to the performance? 8 More details should be taken into account talking about dance: refer to the paragraph titled “The dance field” for more information.
Anteprima della tesi: Un modello e un sistema per l'analisi e la segmentazione del movimento umano. Uno studio sulla danza, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Un modello e un sistema per l'analisi e la segmentazione del movimento umano. Uno studio sulla danza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Rocca
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Biomedica
  Relatore: Antonio Camurri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi