Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il riparto della funzione legislativa fra lo Stato e le Regioni ordinarie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 sarebbe stata soggetta a limiti meno stringenti di quelli confermati nel testo definitivo, dal momento che il limite dei principi (le leggi- cornice), sarebbe stato solo eventuale. La nostra, come e più di altre Costituzioni coeve, si caratterizzava (e si caratterizza), per il fatto di delineare un progetto "forte" di cambiamento della società 24 , tuttavia, malgrado la portata rilevante del suo art. 5 e della sua ampia apertura verso il regionalismo 25 , il nostro restava un ordinamento prevalentemente incentrato intorno al legislatore e all’amministrazione statale; un ordinamento tutto orientato a privilegiare e a garantire le ragioni di quell'eguaglianza formale e sostanziale, che, in ossequio all'art. 3 della Costituzione, doveva essere il risultato, oltre che della rimozione delle differenze legate alle condizioni economiche e sociali, anche del divieto di discriminazione ratione loci. 24 F. PIZZETTI, La ricerca del giusto equilibrio tra uniformità e differenza: il problematico rapporto tra il progetto originario della Costituzione del 1948 e il progetto ispiratore della riforma costituzionale del 2001. La relazione è stata tenuta al corso SPISA, 6 maggio 2002, in rete: www.giurcost.org. 25 A. D’ATENA, Le vicende del regionalismo ed i problemi della transizione al federalismo, in Bollettino di informazioni costituzionali e parlamentari della Camera dei deputati, n. 2/1994, 18 ss., l’autore sottolinea la logica decisamente garantistica del nostro modello regionale, confermato innanzitutto dalla circostanza che la ripartizione delle competenze tra Stato e Regioni è direttamente stabilita da fonti costituzionali; costituzionalizzazione rivolta a porre il riparto medesimo al riparo da interventi del legislatore ordinario statale.

Anteprima della Tesi di Alessandro Ciliberti

Anteprima della tesi: Il riparto della funzione legislativa fra lo Stato e le Regioni ordinarie, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Ciliberti Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6342 click dal 21/05/2004.

 

Consultata integralmente 57 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.