Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I diritti speciali ed esclusivi nei servizi di interesse generale tra ordinamento comunitario ed evoluzione normativa interna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 Capitolo I PROBLEMI DEFINITORI 1. Definizione. I diritti speciali ed esclusivi garantiscono condizioni di favore alle imprese che ne beneficiano, perciò dovrebbero assumere una posizione rilevante all’interno dell’assetto normativo. La loro trattazione invece non è mai stata approfondita, sia dall’ordinamento comunitario, sia da quello italiano, almeno fino a pochi anni fa. Infatti, se è vero che nell’art. 86 (ex art. 90) del Trattato 1 i diritti speciali ed esclusivi venivano già menzionati, solo all’inizio del decennio passato alcune direttive, specie in materia di telecomunicazioni, hanno affrontato il problema dandone una definizione legale. Il motivo di tale ritardo può essere giustificato dal fatto che, in passato questa fattispecie era assimilata all’interno dell’art. 31 (ex art. 37) del Trattato, che vieta i monopoli commerciali aventi effetti discriminatori sulle importazioni ed esportazioni tra gli Stati membri. 1 In generale si segue nel testo la numerazione del Trattato di Amsterdam, con l’indicazione in parentesi degli articoli sostituiti del TUE.

Anteprima della Tesi di Fabio Ceresani

Anteprima della tesi: I diritti speciali ed esclusivi nei servizi di interesse generale tra ordinamento comunitario ed evoluzione normativa interna, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fabio Ceresani Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6300 click dal 21/05/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.