Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Quasi come Gian dei Brughi. Valore pegagogico e funzione della lettura ad alta voce nella scuola elementare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 La lettura ad alta voce aveva una duplice funzione, da una parte comunicare lo scritto a chi non sa leggere, dall’altra fungere da collante emotivo nelle forme di socialità (per esempio nell’intimità familiare, o nelle occasioni di convivialità mondana) 6 . Nel mondo antico, ma anche in quello medievale, la lettura è essenzialmente un’oralizzazione e i lettori sono spesso ascoltatori di una voce lettrice. La scrittura è “posta al servizio della cultura orale” 7 , ciò che è scritto viene letto in una dimensione aurale, vale a dire garantendo una pubblicazione orale della produzione testuale, che in questo modo poteva essere ascoltata e compresa da un pubblico molto più vasto rispetto ai pochissimi alfabetizzati; inoltre, “la Grecia ebbe netta la coscienza che la scrittura era stata inventata per fissare i testi e richiamarli, così, alla memoria, in pratica conservarli” 8 . La modalità di lettura ad alta voce diffusa in tutto l’arco dell’antichità, oltre che per un’esigenza aurale cui si è già accennato, viene vista come necessaria per una questione eminentemente tecnica, vale a dire per rendere “comprensibile al lettore il senso di una scriptio continua indistinta e inerte senza il suono vocale” 9 . La comprensione era facilitata dall’articolazione vocale del testo scritto, in quanto la sola vista faticava a cogliere la successione logica delle parole, il significato preciso di ciascuna frase, il momento in cui interrompere la lettura con una pausa 10 . 6 Ivi, p. VIII. 7 Ivi, p. XI. 8 Ibidem. 9 Ivi, p. XII. 10 La difficoltà di lettura e l’ambiguità di significato dovute alla sciptio continua sono ben rappresentate dal famoso aneddoto che vede protagonista un chierico medievale, il quale dovendo tradurre la frase in diebus illis e avendo malamente diviso le parole (in die busillis) non riusciva a comprendere la parola busillis; donde l’uso di dire: “qui sta il busillis”.

Anteprima della Tesi di Gianni Trezzi

Anteprima della tesi: Quasi come Gian dei Brughi. Valore pegagogico e funzione della lettura ad alta voce nella scuola elementare, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianni Trezzi Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8268 click dal 25/05/2004.

 

Consultata integralmente 51 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.