Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Movimenti transfrontalieri di organismi geneticamente modificati: protocollo di Cartagena e norme dell'OMC

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 tradizionali. Dal punto di vista scientifico, i produttori di OGM ritengono i prodotti della biotecnologia sostanzialmente equivalenti ai prodotti tradizionali e dunque non dannosi per l’ambiente o per l’uomo. Il Protocollo di Cartagena riflette in sostanza le preoccupazioni per l’ambiente, rendendo possibile negare l’autorizzazione all’importazione di quegli OGM che non offrono sufficienti garanzie di sicurezza per la biodiversità; gli accordi commerciali servono invece a garantire un flusso di merci libero da volontà protezionistiche dei singoli Stati ed, in questo quadro, la tutela dell’ambiente si può realizzare solo se vengono rispettati i principi posti alla base della liberalizzazione degli scambi, quali la non discriminazione nel trattamento commerciale degli Stati membri. Il problema nasce proprio perché il protocollo di Cartagena impone o autorizza misure nazionali potenzialmente discriminatorie tra differenti partners commerciali. In definitiva, c’è la possibilità che in futuro si svolga una controversia commerciale, sottoposta agli organi di risoluzione delle controversie del WTO, nella quale il protocollo di Cartagena sia messo a confronto con la normativa del WTO, al fine di stabilire se le due differenti discipline siano compatibili. Si rende necessario allora indagare da vicino il contenuto degli accordi del WTO e metterlo a confronto con quello del protocollo di Cartagena, per verificare la possibilità di coordinare i diritti e gli obblighi nascenti dall’una e dall’altra, al fine di fornire un quadro giuridico lineare in grado di soddisfare sia le esigenze di tutela dell’ambiente, sia quelle di un’economia liberista.

Anteprima della Tesi di Carlo Maria Vincenzo De Naro Papa

Anteprima della tesi: Movimenti transfrontalieri di organismi geneticamente modificati: protocollo di Cartagena e norme dell'OMC, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Carlo Maria Vincenzo De Naro Papa Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2426 click dal 27/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.