Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi criminologica della tortura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 vaghe. Ogni tentativo di oggettivare meglio una definizione comporta la necessità di scegliere alcuni elementi rigettandone altri e quindi viene per forza a limitare il campo dei comportamenti proibiti. Per questo motivo, come afferma anche il Ferracuti, un definitivo abbandono delle pratiche della tortura potrà avvenire solo quando si sia verificato un grande cambiamento culturale nella concezione che l’uomo ha di se stesso, dello Stato e della giustizia. Perché la tortura possa scomparire dall’orizzonte dell’umanità sarà necessario che sia assicurato a tutti il rispetto della dignità, della libertà e della natura dell’uomo, senza conflitti con la collettività. Quindi la tortura è un fenomeno negativo che affonda le sue radici in epoca molto antica, risalente addirittura alle popolazioni primitive e all’antica Roma. Essa produce effetti devastanti sotto diversi punti di vista; infatti non lede soltanto la sfera psico-fisica dell’individuo sottoposto a tortura ma anche e soprattutto

Anteprima della Tesi di Giovanni Pandarola

Anteprima della tesi: Analisi criminologica della tortura, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Pandarola Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4046 click dal 28/05/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.