Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi criminologica della tortura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 danneggia l’intero tessuto sociale di una nazione e ne penalizza le strutture. Amnesty International, nel 1980 , ha distinto le seguenti precondizioni sociali che possono favorire l’uso sporadico o sistematico della tortura: - situazioni di emergenza presentate come tali all’opinione pubblica, con conseguenti legislazioni speciali o eccezionali. - regimi autoritari o << forti >>, tendenti ad annullare o a limitare drasticamente i diritti civili e i margini del dissenso. - regimi << deboli >>, tesi a mantenere ad ogni costo il proprio potere. Sempre per la stessa organizzazione, gli scopi sottintesi o dichiarati della pratica della tortura possono essere riassunti nei seguenti: - l’estorsione di confessioni direttamente dalla vittima o indirettamente attraverso parenti o amici.

Anteprima della Tesi di Giovanni Pandarola

Anteprima della tesi: Analisi criminologica della tortura, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Pandarola Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4044 click dal 28/05/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.