Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi criminologica della tortura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 La << mappa di coercizione >>di Biderman, citata nel rapporto di Amnesty International del 1975, registra un dato schiacciante e letteralmente pauroso di questo fenomeno. Infatti costituisce un chiaro esempio di come tutte le attività che possono costituire tortura si realizzino senza ricorrere necessariamente a maltrattamenti fisici o alla inflazione deliberata di sofferenze. L’ isolamento ne è una dimostrazione e un chiaro esempio. Infatti attraverso esso, quale metodo generale, si realizzano determinati effetti, o meglio scopi, quali deprivare la vittima di qualsiasi sostegno sociale alle loro capacità e resistenza. Inoltre sviluppa un’intensa preoccupazione per se stessi e rende la vittima dipendente dalla persona che conduce l’interrogatorio.

Anteprima della Tesi di Giovanni Pandarola

Anteprima della tesi: Analisi criminologica della tortura, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Pandarola Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4046 click dal 28/05/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.