Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi criminologica della tortura

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 disposizioni dei governi, spazio che è solo in parte coperto dal riferimento alle Regole Minime. La definizione non cerca di chiarire precisamente cosa si intenda “per trattamento o pena crudele, inumana e degradante “, sebbene si dica che la tortura è una forma aggravata e deliberata di tale trattamento. I tentativi giudiziari di interpretare questi concetti e distinguere tra essi si sono dimostrati problematici. I principali dibattiti alle Nazioni Unite dimostrano che i rappresentanti dei Governi hanno accettato che la frase trattamento o pena crudele o degradante non fosse chiaramente definibile e che il suo raggio di applicazione dovesse essere esteso. Le Nazioni Unite hanno confermato tale intenzione nel 1979, adottando un commento all’art 5 del codice di condotta per pubblici ufficiali, che dice:”il termine trattamento crudele, inumano o degradante non è stato definito dall’Assemblea generale, ma deve essere esteso alla più ampia protezione possibile contro gli abusi sia fisici che mentali.

Anteprima della Tesi di Giovanni Pandarola

Anteprima della tesi: Analisi criminologica della tortura, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giovanni Pandarola Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4046 click dal 28/05/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.