Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cartolarizzazione dei crediti in Italia: il caso della BCC di Castellana Grotte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Aspetti generali della cartolarizzazione 8 Le determinanti di un’operazione di asset-backed securitization posso- no essere molteplici e dipendono, in larga misura, dalla natura dell’originator: attraverso la cartolarizzazione, infatti, è possibile perseguire diversi obiettivi, dal reperimento di fonti alternative di accesso al credito, fino al controllo di- retto del bilancio. L’eliminazione d’alcune poste attive dallo stato patrimoniale dell’originator è spesso condizione necessaria al raggiungimento degli obiet- tivi prefissati, ma perché ciò avvenga è indispensabile che il passaggio degli attivi allo special purpose vehicle avvenga mediante il rispetto di due requisiti fondamentali, variabili in funzione degli ordinamenti: a) che si realizzi una true sale, corrispondente all’italiana clausola pro soluto, ovvero che il cedente-originator si spogli effettivamente di ogni dirit- to e onere relativo agli attivi oggetto di cartolarizzazione; b) che tale operazione sia consentita dai principi contabili, al fine di ot- tenere un trattamento off-balance sheet per gli attivi cartolarizzati. Quando l’originator ha natura finanziaria, tuttavia, il rispetto del requi- siti di true sale e di ammissione del trasferimento nei principi contabili, non è sufficiente, poiché gli obiettivi sono riferibili a politiche di bilancio volte al rispetto di obblighi di vigilanza prudenziale; pertanto, diviene necessario che gli attivi cartolarizzati non rientrino negli aggregati considerati per il calcolo degli obblighi, poiché l’orientamento dell’autorità di vigilanza è quello di considerare il grado effettivo di rischio collegato agli attivi ceduti, che rimane in capo all’originator al termine dell’operazione. Un secondo aspetto da considerare riguarda la natura dei titoli emessi; generalmente, le operazioni di asset-backed securitization possono essere configurate secondo diverse strutture, tra le quali meritano menzione le op- zioni pass-through e pay-through.

Anteprima della Tesi di Umberto Lucatorto

Anteprima della tesi: La cartolarizzazione dei crediti in Italia: il caso della BCC di Castellana Grotte, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Umberto Lucatorto Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4080 click dal 31/05/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.