Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo regionale: la complessità normativa come fattore di rallentamento dei processi decisionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 comunicazione è favorito lo sviluppo del capitale umano (es: apprendimento a distanza) e degli scambi (es: commercio elettronico). 10 I servizi infrastrutturali sono perciò ritenuti di interesse generale 11 . In sostanza, “le infrastrutture producono utilità e servizi pubblici di interesse collettivo, tanto se sono pubbliche (o gestite dal potere pubblico o di proprietà pubblica o costruite con denaro pubblico) quanto se sono private. Del pari, infrastrutture possono essere utilizzate da tutto il pubblico, senza costi; … oppure vi possono essere infrastrutture non utilizzate da tutti, ma da chi paga il servizio reso, partecipando così gli utenti alla costruzione e alla gestione delle infrastrutture 12 ”. In conclusione, le infrastrutture sono elementi del capitale totale di un’economia; esse possono articolarsi in una parte hard e in una parte soft, a seconda della loro natura materiale o immateriale e a seconda della funzione che svolgono. Accanto alla parte hard che è rappresentata dalla fisicità degli impianti (i quali erogano i servizi) vi è anche una parte soft, che è costituita dall’intangibilità dei sistemi di gestione dell’erogazione dei servizi. Mentre l’impianto fisico ha la funzione di erogare i servizi, i sistemi di gestione di tali servizi hanno il compito di far funzionare l’infrastruttura. Le infrastrutture, attraverso il soddisfacimento di bisogni della collettività, apportano un contributo allo sviluppo regionale in termini di produttività, di reddito pro capite e di occupazione, quindi alla 10 G. Marzi, L. Prosperetti, E. Putzu, La regolazione dei servizi infrastrutturali, Il Mulino, 2001, pag. 171 11 I servizi di interesse generale contribuiscono al conseguimento di obiettivi fondamentali della comunità come la solidarietà e la parità di trattamento, poiché «soddisfano un bisogno generale e fondamentale dei membri della collettività». Commissione Europea, Parere del Comitato economico e sociale riguardante i servizi di interesse generale ( 1999/C 368/17) 12 A. Predieri, ne “Il Diritto dell’Unione Europea” 3/1997, pag. 301: Quando c’è una controprestazione, le infrastrutture non sono beni né pubblici, né privati, ma di club. Si tratta di beni e servizi consumabili collettivamente da un gruppo di agenti, con caratteristiche comuni, che traggono benefici congiunti dalla ripartizione volontaria dei loro costi di produzione.

Anteprima della Tesi di Antonella Rosalba Scarano

Anteprima della tesi: Il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo regionale: la complessità normativa come fattore di rallentamento dei processi decisionali, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonella Rosalba Scarano Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2206 click dal 01/06/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.