Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo regionale: la complessità normativa come fattore di rallentamento dei processi decisionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 1.1 Le infrastrutture: una prima classificazione. Secondo l’economia classica le risorse naturali, il capitale e il lavoro rappresentano i tre basilari fattori produttivi, finalizzati alla formazione del reddito e al perseguimento dello sviluppo. Per lungo tempo gli economisti, trascurando le risorse naturali, hanno più volte indicato i restanti fattori produttivi, capitale e lavoro, anche come beni privati. L’avvento della teoria dei beni pubblici, però, introduce una diversa visione circa la caratterizzazione delle risorse produttive, in quanto talvolta anche alcuni fattori di produzione vengono inclusi all’interno della categoria dei beni pubblici (Biehl, 1991). Quindi talune risorse produttive possono configurarsi alcune volte come private e altre volte come pubbliche. Secondo Musgrave R.A. e Musgrave P.B. 1 , i beni pubblici possiedono come caratteristiche peculiari le proprietà di non-escludibilità e non- rivalità nel consumo. La non-escludibilità si riferisce al fatto che non è possibile escludere dal consumo gli individui che non pagano il prezzo del bene e può anche risultare dalla consapevolezza che applicare l’esclusione comporterebbe costi troppo elevati. La non-rivalità consiste nel fatto che il consumo del bene pubblico da parte di un agente non riduce la possibilità di consumo da parte degli altri agenti e quindi l’offerta di un’unità addizionale del bene ha costo nullo 2 . Poiché tali proprietà comportano l’inesistenza di competizione all’interno del mercato, ne provocano il fallimento nell’allocazione efficiente dei beni, in quanto nessun operatore si aggraverebbe dei costi di produzione di questi beni; quindi le risorse produttive con 1 Musgrave R.A., Musgrave P.B., Public finance in theory and practice, McGraw-Hill, NewYork, 1985 2 Le definizioni di non escludibilità e di non rivalità sono state tratte da R.Artoni, Lezioni di scienza delle finanze, Il Mulino, 2001, pag. 447

Anteprima della Tesi di Antonella Rosalba Scarano

Anteprima della tesi: Il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo regionale: la complessità normativa come fattore di rallentamento dei processi decisionali, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonella Rosalba Scarano Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2206 click dal 01/06/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.