Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo regionale: la complessità normativa come fattore di rallentamento dei processi decisionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 L’introduzione delle espressioni “rete delle infrastrutture” e “infrastrutture a rete” risale al 1992 nel corso di una Conferenza del CNEL. Il concetto di rete riguarda l’elemento che raggiunge più luoghi, che partecipa alla costruzione dell’intero territorio urbanizzato, che rileva l’organizzazione territoriale basata sulle interazioni tra le diverse categorie di infrastrutture (condutture per il trasporto e l’erogazione dell’acqua e dell’energia, reti viarie e ferroviarie e reti di telecomunicazione), allo scopo di creare attorno alle grandi infrastrutture altre infrastrutture di supporto per migliorare le condizioni operative dell’economia e della società e accrescerne la competitività. Per quanto riguarda i servizi che rappresentano il fine delle infrastrutture, sono denominati infrastrutturali proprio perché offerti da un’infrastruttura sottostante; per esempio infrastrutture come gli elettrodotti, i gasdotti, le ferrovie, le scuole sono strumentali all’erogazione rispettivamente di elettricità, gas, mezzi di spostamento e apprendimento. Essi rientrano nella generale nozione di servizio universale, il quale deve assicurare a condizioni abbordabili l’accesso al servizio -che assume infatti la connotazione di servizio pubblico- di tutti i cittadini appartenenti a qualsiasi area geografica e a qualsiasi fascia economica. I servizi infrastrutturali sono produttori di esternalità, in genere positive, per esempio, l’uso di elettricità, gas, trasporti ferroviari consente la riduzione dell’inquinamento. Quando al beneficio partecipano tutti gli utenti del servizio stesso, ci troviamo di fronte ad esternalità di rete, in quanto, per esempio, il cliente n + 1 che si aggiunge ad una rete di comunicazione consente a tutti gli altri clienti di potersi collegare con una persona in più; inoltre le esternalità positive estendono i loro effetti anche al di là dei confini della rete, perché con la riduzione dei costi di transazione dovuti alla diffusione di reti di

Anteprima della Tesi di Antonella Rosalba Scarano

Anteprima della tesi: Il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo regionale: la complessità normativa come fattore di rallentamento dei processi decisionali, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonella Rosalba Scarano Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2205 click dal 01/06/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.