Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Automazione e Standardizzazione della produzione multimediale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

UNITO - Tesi di Laurea di Toffanello Paolo Mario (matricola 145278) Automazione e Standardizzazione della produzione multimediale Pagina 12 possibilità di creare una propria multimedialità, gestendo nuovi formati, ed il tutto semplicemente espandendo il modello degli oggetti del documento (DOM – Document Object Model), lo schema che costituisce lo scheletro sul quale i contenuti che vogliamo divulgare si appoggiano, l’insieme delle possibilità sfruttabili nell’utilizzo di questa tecnologia. Un’altra caratteristica da non sottovalutare è la possibilità di XML di dare uno strumento di dialogo tra programmi diversi. Essendo uno standard facilmente accessibile infatti, si sta affermando come l’ASCII del nuovo millennio, uno standard a cui far riferimento e a cui guardare per rendere le proprie applicazioni aperte verso l’esterno ed in grado di comunicare non più attraverso costosi e complessi sistemi proprietari, ma mediante un linguaggio universalmente noto ed accettato. Tra tutte le novità che XML ha portato sul Web l’estensibilità rimane comunque quella di maggior peso. E’ un metalinguaggio che permette di generare nuovi linguaggi, plasmati sulle proprie esigenze, caratteristica che deriva dal genitore SGML, standard internazionale per la descrizione della struttura e del contenuto di documenti elettronici di qualsiasi tipo, del quale mantiene tutta la potenza, semplificandolo nelle regole. È possibile scrivere, condividere e trasmettere documenti facilmente, superando il grosso limite attuale del Web, la dipendenza da un tipo di documento HTML, singolo e non estensibile. XML permette agli utenti della Rete, gruppi di persone o organizzazioni, di creare il proprio linguaggio di markup, specifico per il tipo di informazione che trattano. Esistono già in circolazione in diversi settori linguaggi, creati dagli esperti del settore, specifici per un determinato contesto, laddove specifici non significa chiusi ed inaccessibili, ma semplicemente organizzati in modo da semplificare determinate operazioni. Ad esempio il Channel Definition Format (CDF) e il Mathematical Markup Language (MML), che rappresentano al contempo strutture specifiche, ma anche insiemi aperti a tutti, il cui Namespace è facilmente reperibile sul Web, e ulteriormente espandibile.

Anteprima della Tesi di Paolo Mario Toffanello

Anteprima della tesi: Automazione e Standardizzazione della produzione multimediale, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Paolo Mario Toffanello Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1683 click dal 31/05/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.