Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Automazione e Standardizzazione della produzione multimediale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

UNITO - Tesi di Laurea di Toffanello Paolo Mario (matricola 145278) Automazione e Standardizzazione della produzione multimediale Pagina 13 L’altro aspetto della mia Tesi tratterà l’innovazione apportata anche nella produzione Web dalla piattaforma .NET, potentissimo strumento immesso da Microsoft ∞ , la cui potenzialità è ancora tutta da scoprire e accertare. Sinceramente il motivo per cui, in un primo momento, mi sono affacciato a questa tecnologia di sviluppo è stato il riscontro presso il gruppo di lavoro del progetto FAR dell’utilizzo dei vantaggi offerti dal FrameWork .NET, che nello sviluppo del progetto offre loro la possibilità di ridurre di molto il numero di linee di codice necessario a far funzionare le applicazioni sul Web. Io ero convinto infatti che per restare fedeli alle impostazioni e alle specifiche di XML fosse necessario non contaminarlo con alcun linguaggio di programmazione, poiché in passato la contaminazione di HTML con vari linguaggi di Scripting fu proprio uno dei motivi per cui si verificò una tale disomogeneità di sviluppo sul Web. XML invece, nelle mie idee, doveva restare uno standard puro, incontaminato, e che tutte le esigenze dovessero essere studiate in funzione di questo e ricondotte alle possibilità offerte. In realtà questa mia valutazione è poi risultata superficiale ed erronea, infatti la realtà è che comunque XML da solo non è sufficientemente strutturato per soddisfare tutte le esigenze e giungere ad equiparare i risultati ottenuti dallo sviluppo Web precedente. Originariamente, forse perché studiato anche da personaggi della Sun Microsystems ∞, XML fu pensato per interagire con Java, tanto che si definì XML come un linguaggio di markup pilotabile attraverso Java; tale soluzione offriva sicuramente grossi vantaggi, in quanto come ben noto tale supporto è assolutamente Cross-platform, a patto che sul client di turno sia presente una Virtual Machine della corretta versione. Ragionando alla ricerca di solidi standard per il Web questa appariva quindi come la soluzione più universale, poiché consentiva di creare pagine e risorse visualizzabili indipendentemente dalla piattaforma client e dal tipo di Server sul quale queste risiedevano. Purtroppo però, come tutte queste tecnologie, anch’essa presenta dei limiti, che ne minano la bontà. L’esecuzione di Applet o Script Java infatti è subordinata alla presenza nella macchina su cui questa avviene della famosa Java Virtual Machine, della quale, a seconda del tipo di implementazione e delle caratteristiche del linguaggio che vengono usate, ne è richiesta l’una o l’altra delle molte versioni presenti. Questo di conseguenza rende a volte incompatibili

Anteprima della Tesi di Paolo Mario Toffanello

Anteprima della tesi: Automazione e Standardizzazione della produzione multimediale, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Paolo Mario Toffanello Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1683 click dal 31/05/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.