Skip to content

L'apprendimento organizzativo come capacità evolutiva. Il caso di un'impresa a rete.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
essere considerate uno strumento analitico poiché corrispondono ad una categoria di medio livello: non stiamo osservando un’attività rigidamente definita o una specifica forma di interazione - in quanto si eluderebbe la diffusa continuità del tempo e fra le persone, così come fra le comunità, entro cui le attività vengono definite e gli eventi di apprendimento si consolidano, integrandosi nella formazione delle pratiche e delle identità - né un aggregato generalmente definito che possa essere astrattamente storico o sociale - in cui sarebbero trascurate le cruciali discontinuità fra i vari spazi dove si colloca in modo rilevante l'apprendimento, attraverso l'enfatizzazione della sovrastante continuità di una configurazione che viene reificata col nome di se stessa. La nozione di practice dunque va riferita al livello di una struttura sociale che riflette un apprendimento condiviso. E' nel contempo un livello di analisi ed un livello di esperienza. Lo sviluppo di una practice concerne la questione di mantenere un sufficiente impegno reciproco nel perseguire insieme l'attività di condividere qualche significativo apprendimento. L'apprendimento così dipende dal tipo di relazioni - località, prossimità, distanza - e si indebolisce quando esperienza e competenza sono troppo addossate e quando sono troppo distanti. L’organizzazione in se stessa può essere definita come un’”istituzione", mentre una costellazione di attività è ciò che rende viva l'organizzazione e che spesso emerge come risposta al disegno organizzativo. Il progetto istituzionale e la practice mantengono la loro propria identità come fonti di una struttura: l'informale non è senza forma, ma la sua forma è emergente, riflettendo la logica dell'improvvisazione che si riferisce alla negoziazione del significato. Così un'organizzazione è l'incontro di due fonti strutturali: il progetto della struttura istituzionale e la struttura emergente della practice. Il principio fondamentale di un progetto organizzativo consiste nel creare canali comunicativi fra le pratiche, come pure astrazioni istituzionali affinché queste pratiche possano esprimere la loro esistenza vitale: coordinare molteplici intelligenze entro un processo di apprendimento organizzativo. Condividere una visione, pertanto, significa essere in grado di vedersi l'un l'altro mentre si hanno in vista obiettivi comuni. Il valore di un dispositivo per l'apprendimento istituzionalizzato spesso risiede molto più nella sua capacità potenziale di costruire una comunità, che nelle intenzioni pedagogiche del suo curriculum. Vi è enorme differenza tra l'organizzare lezioni formative che si suppone coprano la totalità degli interventi formativi e ricercare tempi educativi come risorsa per la pratica di comunità di apprendimento che si incaricano del loro apprendere. Le comunità di pratica sono assetti organizzativi che dimostrano gli investimenti in un reciproco impegno. L'apprendimento che esse incarnano costituisce la competenza delle organizzazioni ed il loro sviluppo è essenziale a quello di tali competenze. Il CAPITOLO SESTO si occupa di UN CASO: quello di un’impresa di servizi del settore bancario che, da un’originaria dimensione locale, agli inizi del secolo precedente, si è evoluta ad impresa-rete, ottenendo risultati vantaggiosi e redditizi, grazie ad un costante monitoraggio dell’ambiente e all’oculatezza delle strategie adottate. La fondamentale intuizione manageriale, emersa nel far fronte ad un contesto che implementava un nuovo e differente processo evolutivo dei mercati finanziari, ha portato alla creazione di una struttura reticolare dell’organizzazione che, globalmente, si esprime attraverso l’elaborazione e la definizione del disegno imprenditoriale unitario (D.I.U.) entro il primo livello strutturale (configurato nel Consiglio di Amministrazione e dalla Direzione Generale afferenti all’impresa Capo-Gruppo a cui è altresì demandata la responsabilità dell’andamento complessivo di tutta la rete) ed un secondo livello – istituito come supporto alla Capo Gruppo nella definizione, governo e controllo del D.I.U – cui è invece delegata la responsabilità del coordinamento delle Direzioni. Questo secondo livello (configurato nel Consiglio di
Anteprima della tesi: L'apprendimento organizzativo come capacità evolutiva. Il caso di un'impresa a rete., Pagina 4

Preview dalla tesi:

L'apprendimento organizzativo come capacità evolutiva. Il caso di un'impresa a rete.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Brunella Giacomoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Telmo Pievani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 284

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi