Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti giuridici del terrorismo internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 aiutare, tollerare sul suo territorio qualsiasi attività di tal genere”, sia con riguardo al principio di non intervento 6 . Nel corso del tempo, e soprattutto negli anni ’60 e ’70, il fenomeno aveva acquisito un raggio d’azione sempre più ampio, caratterizzato da una pluralità di crimini in precedenza sconosciuti, e da una frammentarietà di fonti convenzionali 7 disciplinanti in maniera settoriale diverse fattispecie terroristiche. Studiando il fenomeno, è stata avvertita però l’esigenza di un approccio globale alla materia, e di una convenzione che affrontasse, sul piano internazionale, i profili penalistici delle varie manifestazioni di violenza. Un tentativo in tal senso fu intrapreso dalle Nazioni Unite, alla XXVII sessione (1972) dell’Assemblea generale, su richiesta del segretario generale Kurt Waldheim. La proposta fu avanzata in seguito all’evento sanguinoso provocato dai terroristi palestinesi ai giochi olimpici di Monaco (6 settembre 1972). Gli Stati Uniti depositarono immediatamente presso l’Assemblea 6 Si ribadisce, infatti, l’obbligo per tutti gli Stati di astenersi “d’organiser, aider, de fomenter, de financer, d’encourager ou de tolérer des activités armées subversives ou terroristes destinées à changer par la violence le régime d’un autre Etat ainsi que d’intervenir dans les luttes intestines d’un autre Etat”. Dichiarazione di principi sulle relazioni amichevoli e la cooperazione fra Stati, contenuta nella Risoluzione dell’Assemblea generale 2625/XXV del 24 ottobre 1970, in YUN, p. 789-792. 7 Vedi, ad esempio, la Convenzione relativa alle infrazioni e determinati altri atti compiuti a bordo di aeromobili (Tokyo, 14 settembre 1963); la Convenzione per la repressione della cattura illecita di aeromobili (L’Aja, 16 dicembre 1970); Convenzione per la repressione di atti illeciti contro la sicurezza dell’aviazione civile (Montreal, 23 settembre 1971), riprodotte in N. Ronzitti, op. cit., pp. 196-223.

Anteprima della Tesi di Catena Di Bella Gozzi

Anteprima della tesi: Aspetti giuridici del terrorismo internazionale, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Catena Di Bella Gozzi Contatta »

Composta da 253 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10809 click dal 03/06/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.