Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I riti funebri nelle popolazioni eschimesi e sarda

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 1.1 La fantasia del popolo e la paura della morte: la cultura popolare della Sardegna, come molte altre culture, vive tutto il raggelante terrore dei morti. (A.Mulas) Si ha paura dei morti più che della morte. Coloro con i quali in vita si condivisero gioie e dolori, in morte diventano figure di terrore che affollano l’immaginario collettivo con miti e fantasie; appartenenti oramai ad un mondo non più dei vivi ma in un limite, che i vivi, hanno paura di raggiungere e varcare: l’ignoto. Si teme la presenza dei morti soprattutto nei sogni e nelle ore notturne, essendo un’espressione, entrambi, della continuità con la morte. 1.1.1 I sogni premonitori: Era pratica comune, prima di andare a letto, inumidirsi le dita nell’acquasanta, posta al capo del letto e recitare preghiere cantilenanti per difendersi dai morti. “ Su lettu meu este de batto cantones/battoro anghelos si bi ponene/duos in pese e duos in cabitta/nostra signora accostazu m’ista e mi nara dormi e riposa/no eppas paura de mala cosa/ no eppas paura de malu fine/s’anghelu serafine/s’anghelu biancu /s’Ipiritu Santu/sa Vergine Maria mi fettan compagnia/(il mio letto è fatto di quattro cantoni/ci si mettono quattro angeli/ due ai piedi e due nella testata/nostra Signora sta al mio fianco e mi dice dormi e riposa/ no aver paura di cose cattive/ non aver paura di cattiva fine/l’angelo Serafino/l’angelo bianco/ lo Spirito Santo/la Vergine Maria mi facciano compagnia). (intervista a G.C. di anni 70, casalinga) Oppure si recitava così: “Mi che cosco in d’una sepoltura, de minde pesare no so sigura/ no so sigura de minde pesare, tre cosas appo de domandare:”cufessione, cominione e ozzu santu. (Mi corico in una sepoltura, di alzarmi non sono sicura, non son sicura di alzarmi, tre cose ho da domandare: confessione, comunione e olio santo). I sogni e i segni premonitori sono numerosi; frutto di fantasie popolari enormemente sviluppate.

Anteprima della Tesi di Cecilia Manca

Anteprima della tesi: I riti funebri nelle popolazioni eschimesi e sarda, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Cecilia Manca Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4882 click dal 10/06/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.