Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'origine del movimento sindacale in ferrovia e l'Italia post-unitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 importante e purtroppo, ancora oggi, non sufficientemente valorizzata e apprezzata nel suo impegno quotidiano. Lo sforzo è stato quello di cogliere dall’interno, attraverso la consultazione e lo studio della non abbondante documentazione, gli aspetti ed i momenti più significativi del travagliato processo di presa di coscienza di classe della categoria. Non sono anni esaltanti di grandi conquiste per i ferrovieri, ma sono gli anni in cui progressivamente l’idea dell’organizzazione unitaria diventa predominante, anche se su di essa si determinano, forse troppe attese miracolistiche per la soluzione di difficili problemi della categoria. La storia delle organizzazioni ferroviarie è rimasta a lungo sconosciuta; dei ferrovieri s’é spesso fatto cenno nelle storie del movimento operaio solo a partire dal 1902 (anno dello sciopero generale). Su tutte le vicende degli anni precedenti la documentazione appare scarsa e incompleta. La svolta si ebbe nel 1957, quando uscì l’opera del Guerrini, Organizzazioni e lotte dei ferrovieri italiani, qui ripetutamente citata che fornisce una mole notevole di fatti e di giudizi tale da rischiarare tutta la materia.

Anteprima della Tesi di Antonella Ceccacci

Anteprima della tesi: L'origine del movimento sindacale in ferrovia e l'Italia post-unitaria, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Antonella Ceccacci Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1340 click dal 10/06/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.