Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La distribuzione dei tassi di crescita del manifatturiero cremonese: un'analisi su panel fisso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 La variazione di un punto dell’indice corrisponde ad un aumento o ad una diminuzione percentuale del 100% : se ad esempio l’indice di crescita dell’attivo dell’azienda Z presenta un valore di I = 1.13 ciò significa che dal 1998 quella posta di bilancio è cresciuta del 13%, se presenta al contrario un valore I di 0.80 ciò significa che quella stessa posta in 4 anni è diminuita del 20% rispetto al suo valore originario. Per concludere l’argomento ricordiamo infine che il tipo di indice che abbiamo utilizzato è un indice assoluto, il che significa che il suo valore non ha unità di misura ma è un numero puro. Inoltre lo possiamo anche definire un indice a base fissa in quanto noi misuriamo la variazione delle poste di bilancio su base 1998. Tornando alla nostra tabella notiamo anche che nel panel fisso dell’universo manifatturiero si contano nel periodo temporale 1998-2001 ben 38 aziende in liquidazione e 9 in concordato preventivo. Su questo argomento si sono notate incongruenze in sede di banca dati del CERVED oppure in sede aziendale di compilazione di bilanci poiché più volte ci si è imbattuti in aziende che risultavano in liquidazione al tempo t-1 e che miracolosamente comparivano al tempo t come aziende del tutto sane. Ci si è anche imbattuti in aziende che contemporaneamente presentavano sia lo stato di concordato preventivo sia quello di liquidazione. Nell’incertezza sul da farsi e nell’impossibilità di andare a controllare caso per caso si è deciso a riguardo la cancellazione di questi casi dubbi dal panel fisso e la loro destinazione ai casi particolari della tabella vista poco sopra. I casi in cui comparivano entrambe gli stati di liquidazione e di concordato preventivo sono stati classificati nella voce “aziende in liquidazione”. Si contano infine ben 26 aziende a carattere familiare evidenziate dal fatto di avere spese per il personale uguali a zero. Nei bilanci del nostro data set molte aziende si avvicinavano ad avere spese per il personale molto vicine allo zero, quantomeno irrisorie per una azienda che si vuole definire tale. Vista anche in questo caso l’impossibilità temporale di provvedere ad un controllo mirato, si è tentato di focalizzare meglio la tipologia aziendale andando a vedere il numero di lavoratori assunti alla voce “Dipendenti “(codice Cerved 480), corrispondente al numero dei dipendenti rilevato dalla Nota Integrativa. Purtroppo la maggioranza dei bilanci da noi analizzati aveva in ND ( Non Disponibile) il corrispettivo valore della posta per cui abbiamo deciso, sempre ottemperando al modus operandi di salvaguardare la maggior parte dei dati, di cancellare dal panel solo le imprese con spese per il personale esattamente uguali

Anteprima della Tesi di Andrea Soldi

Anteprima della tesi: La distribuzione dei tassi di crescita del manifatturiero cremonese: un'analisi su panel fisso, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Soldi Contatta »

Composta da 386 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 394 click dal 14/06/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.