Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La borsa di Roma dal 1847 al 1860

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 3,60%, erano visti come una novità nel contesto dei titoli pontifici e costituivano una quota del debito dello Stato a breve termine 11 . Nonostante l’iniziale successo dei nuovi titoli, le difficoltà finanziarie erano evidenti, tanto che il Ministro delle finanze comunicò la situazione al rappresentante di Rothschild a Roma, Alber Hecht 12 . Il ministro delle finanze (tramite lettere di corrispondenza) scrisse ad Hecht che il governo si trovava a fronteggiare una crisi finanziaria,che stava portando una stagnazione degli affari. La situazione si aggravò quando i mercati esteri rifiutarono di negoziare con lo Stato pontificio e il governo cominciò ad emettere scudi di buoni, innescando un processo di inflazione. A Settembre il governo venne affidato all’economista Pellegrino Rossi 13 , il quale godeva fama di essere favorevole ad un regime costituzionale di tipo francese. Papa Pio IX, sperava che il Rossi potesse risolvere i problemi finanziari più urgenti dello stato pontificio, ma purtroppo le sue speranze furono vane poiché assunse ben presto un comportamento definito “dittatoriale”;cosicché il 15 Novembre fu assassinato all’ingresso del parlamento, proprio quando stava per esporre il suo programma di riforme. Il giorno seguente all’assassinio gli eventi precipitarono, poiché i rivoltosi assediarono il Papa nel suo palazzo del Quirinale,chiedendogli la convocazione di una costituente, ma Pio IX impressionato dagli avvenimenti fuggì il 25 Novembre a Gaeta. Terminava così il tentativo costituzionale nello Stato pontificio. 11 S.Pinchera (a cura di), Monete e zecche nello stato pontificio dalla restaurazione al 1870, p. 19; R. D’Enrico , “Una gestione bancaria ottocentesca”, La cassa di risparmio di Roma dal 1836 al 1870, Napoli, 1999, p. 89. 12 Lettere di corrispondenza tra Hecht e la Maison di Parigi. 13 R.Aubert “Storia della Chiesa” Pontificato di Pio IX,:Caravale-Caracciolo, op. cit, 659.

Anteprima della Tesi di Marinella Rossi

Anteprima della tesi: La borsa di Roma dal 1847 al 1860, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marinella Rossi Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2486 click dal 14/06/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.