Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il potere consultivo e di segnalazione dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

CAPITOLO 1 LA POLITICA DELLA CONCORRENZA: OBIETTIVI E STRUMENTI 3 l’acquisto dei fattori produttivi e delle materie prime e per la vendita dei prodotti, ma anche il libero accesso alla tecnologia. Il terzo livello riguarda l’attività di produzione di nuova conoscenza, di nuovi beni e nuove tecniche. In questo caso si può evincere un contrasto tra il principio di concorrenza e la necessità di garantire incentivi sufficienti a chi intraprende un’attività di innovazione. Senza un livello minimo di profitto infatti l’attività di ricerca potrebbe non essere intrapresa. Anche in questo caso perciò sarà indispensabile apportare alcune restrizioni al principio di concorrenza per tutelare la remuneratività dell’attività produttiva. Quali sono gli obiettivi di una politica della concorrenza? La prima finalità sarà quella di mantenere la diffusione del potere di mercato, che non dovrà concentrarsi in pochi operatori. In tal senso la concorrenza è intesa come l’uguaglianza nelle possibilità di azione economica, derivando da ciò una ridotta influenza dei singoli sulle variabili di mercato. Ma lo scopo non è solo quello di limitare la concentrazione di risorse economiche nelle mani di pochi. Infatti la normativa antitrust può anche essere impiegata come strumento per accrescere il potere di concentrazione degli organismi eletti democraticamente dalla collettività. Un secondo obiettivo è la tutela della libertà economica dei partecipanti al mercato. La politica della concorrenza stabilisce le regole del gioco concorrenziale e impedisce che il meccanismo concorrenziale sia soffocato dalle forze spontanee del mercato. Essa è rivolta a sanzionare le scorrettezze quali il boicottaggio nelle

Anteprima della Tesi di Silvia Dari

Anteprima della tesi: Il potere consultivo e di segnalazione dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Dari Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2779 click dal 14/06/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.