Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trappola del sottosviluppo e ruolo delle organizzazioni internazionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Innanzitutto, il tasso di cambio ufficiale può divergere da quello di mercato quando è fissato dalle autorità economiche di un paese: errori della politica ma- croeconomica possono determinarne una sopravvalutazione o sottovalutazione rispetto al valore affettivo. Di conseguenza, a seconda dei casi, il prodotto del paese considerato può apparire minore o maggiore di quello che risulterebbe se il tasso di cambio riflettesse i valori di mercato. In secondo luogo, anche se il tasso di cambio è quello di mercato, esso dipende dall’offerta e domanda di valuta de- terminate dai movimenti di capitale e dagli scambi di merci (tradable) sul mercato mondiale. Parte dei beni e soprattutto dei servizi prodotti e consumati in un paese, tuttavia non sono scambiati internazionalmente (non tradable) e le quantità vendute e i prezzi di questi prodotti non influenzano il tasso di cambio. Ne deriva, che nei PVS, dove i costi di produzione e i prezzi dei beni e servizi non commerciati internazionalmente sono più bassi, un dollaro USA ha un potere d’acquisto superiore a quello che ha in paesi dove tali costi sono più elevati. Se il prodotto di questo paese è misurato in dollari, esso risulterà più basso di quanto sia in realtà. Per evitare questo inconveniente, è stato introdotto un tasso di con- versione convenzionale, costruito tenendo conto della media ponderata dei prezzi mondiali di 151 categorie di beni, e creando un dollaro artificiale che ha Pari Po- tere d’Acquisto (PPA) in tutti i paesi, ossia ci indica la quantità di beni che la moneta locale può acquistare nel paese anziché il numero di dollari che può ac- quistare sul mercato internazionale. Applicando questo fattore di conversione, si può per esempio, convertire il PNL nominale in PNL reale. Dunque, confrontan- do il prodotto nazionale pro capite dei paesi del mondo, rispettivamente in dollari USA e in dollari PPA (Tabella 1.1), possiamo rilevare che il divario tra i paesi ricchi e poveri nel secondo caso si riduce rispetto a quello che appare nel primo, dato che il costo della vita nei paesi poveri è sensibilmente inferiore. Il PNL calcolato sulla base del PPA costituisce una migliore base per le compa- razioni tra livelli medi di redditi o di consumo di diverse economie.

Anteprima della Tesi di Fanny Ngo Ngan mintamack

Anteprima della tesi: Trappola del sottosviluppo e ruolo delle organizzazioni internazionali, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fanny Ngo Ngan mintamack Contatta »

Composta da 236 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4395 click dal 16/06/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.