Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attrattività dei mercati internazionali:scelta del paese obiettivo e strategie di ingresso.Il caso Landqart

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Il tema dell’internazionalizzazione delle imprese è stato perciò affrontato entro diverse prospettive e angolazioni: dall’economia internazionale al marketing, dall’international business alla strategia aziendale e all’economia d’impresa 6 . Secondo il più recente rapporto annuale sul commercio dell’Unctad (2002), nel corso degli scorsi due decenni le esportazioni mondiali di merci sono cresciute ad un tasso medio annuo dell’8%, con tassi addirittura del 12,5% nell’anno 2000; e gli scambi di tipo immateriale, relativi ai servizi hanno dato un contributo all’internazionalizzazione di circa il 20%. Una crescita ancora più sostenuta è stata quella degli IDE 7 (Investimenti Diretti Esteri). 6 Tra gli apparati teorici principali si ricordano la teoria dell’impresa multinazionale e dell’internazionalizzazione delle imprese, come si sono sviluppate dagli anni ’60 ad oggi, con i contributi di importanti autori come: HYMER S.H., A study of direct foreign investment, MIT Press, Cambridge, 1976; VERNON R., “International Investment and International Trade in the Product Cycle”, in Quarterly Journal of Economics, may, 1966; STOPFORD J., WELLS L., Managing the Multinational Enterprise, Basic Books, New York, 1972; BUCKLEY P.J., CASSON M.C., The future of Multinational Enterprise, Macmillan, london, 1976; DUNNING J.H., International Production and the MultinationalEnterprise, Allen & Unwin, London, 1981; RUGMAN A.M., New Theories of the multinational enterprise, St. Martin’s Press, New York, 1982; BARTLETT C.A., GHOSHAL S., Managing across Borders: the Transnational Solution, Harward Business School Press, 1989; PORTER M.E., The competitive advantage of nations, Free Press, New York, 1990. Di rilievo è anche la letteratura italiana; tra i più illustri autori possiamo ricordare: RULLANI E., Lo sviluppo multinazionale delle imprese industriali, Etas Kompass, Milano, 1973; SCIARELLI S., L’impresa multinazionale. Strategie di sviluppo e politiche di gestione, Giannini, Napoli, 1973; PELLICELLI G., Imprese multinazionali:la risposta europea. Modelli, strategie e strutture per una rivincita competitiva, Etas Libri, Milano,1989. Sul tema delle imprese multinazionali e dei processi di internazionalizzazione ricordiamo: GRANDINETTI R., RULLANI E., Impresa transnazionale ed economia globale, La nuova Italia Scientifica, Roma, 1996; CAROLI M., Globalizzazione e localizzazione dell’impresa internazionalizzata, Franco Angeli, Milano, 2000. Sul rapporto tra processi di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati si consiglia: VARALDO R., “Competizione globale e marketing internazionale”, in L’impresa, n°2,1987; VALDANI E., Marketing globale: La gestione strategica dei mercati internazionali, Egea, Milano,1991; STAMPACCHIA P., “Globalizzazione dei mercati e internazionalizzazione delle imprese”, in Sinergie, quaderno n°6, 1991; L’impresa nel contesto globale, Giappichelli Editore, Torino, 2001; VELO D., “Un modello di analisi dei caratteri evolutivi del contesto ambientale dell’impresa: globalizzazione dei mercati e processi di internazionalizzazione”, in Sinergie,quaderno n°6, 1991. 7 Gli investimenti diretti non sono equamente distribuiti a livello mondiale. I primi 30 Paesi destinatari di IDE pesano per circa il 99% sui flussi di investimento. I Paesi sviluppati rimangono i primi destinatari degli investimenti diretti, rappresentando oltre i tre quarti dei flussi globali. I flussi di investimento verso i Paesi in via di sviluppo pesano per il 19% del totale, mentre quelli verso i Paesi dell’Europa Centrale ed Orientale ammontano al 2%. I 49 Paesi meno sviluppati della terra attirano soltanto lo 0,3% degli investimenti diretti. All’interno del mondo sviluppato, sono orientati verso la c.d. Triade (USA, UE, Giappone) il 71% del totale degli investimenti diretti a livello mondiale, mentre provengono dalla Triade l’82% degli investimenti diretti. I principali destinatari di IDE sono gli Stati Uniti d’America.

Anteprima della Tesi di Alvaro Placa

Anteprima della tesi: Attrattività dei mercati internazionali:scelta del paese obiettivo e strategie di ingresso.Il caso Landqart, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alvaro Placa Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4569 click dal 16/06/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.