Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vibrazioni prodotte da infrastrutture di trasporto in fase di costruzione e di esercizio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 2: Caratterizzazione della sorgente 15 l’andamento temporale, in termini di contenuto di frequenze, sembra descritto sufficientemente, e che il modello lineare quasi sempre sovrastima la risposta reale fornendo dei risultati leggermente a vantaggio di sicurezza. Le procedure che permettono di ricondurre un modello non lineare ad uno di tipo lineare equivalente vanno sotto il nome di tecniche di linearizzazione. Il problema principale è quindi quello di ricavare dall’analisi del comportamento meccanico non lineare, i due parametri principalmente caratterizzanti: la rigidezza della molla k, e il coefficiente di smorzamento c, o in alternativa il fattore di smorzamento: mk c c c c 2 ==β (2.1) dove: o c c è il coefficiente di smorzamento critico; o m è la massa del sistema; o k è la rigidezza del sistema. Per quanto riguarda il calcolo della rigidezza, individuato l’intervallo di oscillazione degli spostamenti del fenomeno in esame, si può far riferimento al valore secante, calcolato in corrispondenza dello spostamento massimo. Mentre per quanto riguarda il fattore di smorzamento, si fa riferimento all’energia dissipata in un ciclo di carico, A D , che è quantitativamente definita dall’area racchiusa in un ciclo di carico dal diagramma forza-spostamento. Per un sistema lineare ad un grado di libertà individuato da una massa m, una molla di costante k, ed uno smorzatore di coefficiente c, si può agevolmente dimostrare che tale energia è espressa attraverso la formula: piωclA D 2 ∆= (2.2) dove ω rappresenta la pulsazione della forza (in rad/s), mentre ∆l rappresenta lo spostamento massimo attinto in un ciclo.

Anteprima della Tesi di Vincenzo Aiello

Anteprima della tesi: Vibrazioni prodotte da infrastrutture di trasporto in fase di costruzione e di esercizio, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Vincenzo Aiello Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1631 click dal 18/06/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.