Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vibrazioni prodotte da infrastrutture di trasporto in fase di costruzione e di esercizio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 2: Caratterizzazione della sorgente 9 superficie stradale. Il veicolo viene in genere schematizzato come un sistema meccanico a più gradi di libertà; per sistema meccanico si intende un insieme di elementi connessi tra di loro e individuati da precise caratteristiche: geometriche, inerziali, ed elasto-viscose. Una prima classificazione dei modelli viene fatta in base alla possibilità di distinguere i parametri che caratterizzano i vari elementi tra concentrati e distribuiti. Nella realtà, i veicoli sono sistemi a parametri distribuiti, nel senso che la massa, così come l’elasticità, sono proprietà distribuite sui vari elementi che compongono la struttura. Tuttavia, una loro trattazione analitica è di difficile risoluzione, così che si ricorre a modelli semplificati in cui i vari parametri sono concentrati in punti specifici della struttura. Inoltre, una distinzione netta tra le due famiglie di modelli non ha valenza assoluta; molto spesso, infatti, è possibile incontrare in letteratura dei modelli di tipo ibrido, dove vengono utilizzati parametri sia concentrati che distribuiti. Una diversa classificazione si basa sul numero di gradi di libertà che caratterizza il modello; così per un modello a parametri concentrati abbiamo pochi gradi di libertà (anche detto modello a corpo rigido), mentre, per un modello a parametri distribuiti il numero di movimenti è maggiore (modello deformabile). Per quanto riguarda i metodi di risoluzione adottati, i modelli a corpo rigido si prestano maggiormente ad una trattazione di tipo analitico. Ciò significa che è possibile ricondurli ad un sistema di equazioni differenziali di tipo lineare di secondo ordine. Per un numero di gradi di libertà non elevato, la soluzione è perseguibile in forma chiusa, e permette di ricavare la risposta dinamica del veicolo, nel dominio del tempo e/o in quello delle frequenze, per un assegnato profilo della pavimentazione stradale. Per un numero di gradi di libertà superiore a due, la soluzione è perseguibile per via numerica, attraverso un’integrazione al passo del sistema di equazioni differenziali, talvolta ricondotto ad un sistema di

Anteprima della Tesi di Vincenzo Aiello

Anteprima della tesi: Vibrazioni prodotte da infrastrutture di trasporto in fase di costruzione e di esercizio, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Vincenzo Aiello Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1631 click dal 18/06/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.