Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Etica e Scrittura: l'esperienza dell'Altro nell'opera di Jacques Derrida

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Segreto che è l’istanza di un altro mai completamente appropriabile dal medesimo e che, in quanto traccia 16 , parla anche senza essere interrogato. Per un’analisi più chiara, pur nel rispetto delle istanze decostruzioniste che dovrebbero sollecitare il pensiero 17 , abbiamo ritenuto opportuno cominciare con alcuni concetti presenti sin dalle prime opere di Derrida. Nell’ambito di questa scansione si inserisce per primo il pensiero della differenza. Introdotto da Heidegger e radicalmente ripensato da Derrida, è un “orizzonte mobile” dei cui paradossi dobbiamo tener debito conto 18 . 16 Il concetto di traccia è presente in gran parte dell’opera di Derrida, soprattutto nei testi in cui egli si confronta col pensiero di Lèvinas. Cfr J. Derrida, Violenza e metafisica in La scrittura e la differenza, op.cit., e Addio a Emmanuel Lévinas, op.cit.. Cfr.anche E.Lévinas (da cui Derrida eredita il tema della traccia) Altrimenti che essere o al di là dell’essenza, trad. it. di S.Petrosino e m. Teresa Aiello, Jaka Book, Milano 1983, p.125. 17 Adoperiamo il termine “sollecitare” nell’accezione che Derrida vi attribuisce, critico di una tradizione dominata dai concetti di presenza e di ente: “Ovunque, è il predominio dell’ente che la différance viene a sollecitare, nel senso in cui sollicitare significa, nel latino antico, far vacillare nel suo insieme, far tremare nella sua totalità.” J. Derrida, La différance in Margini, op. cit., p.50. 18 L’esigenza di ripensare la differenza si fa, per Derrida, pressante e ineludibile: “E’ la determinazione dell’essere come presenza o come enticità che è dunque interrogata dal pensiero della différance. Una domanda di questo genere non potrebbe sorgere e farsi comprendere senza che da qualche parte si apra la differenza dell’essere dall’ente.” J. Derrida, La différance in Margini, op. cit., p.50.

Anteprima della Tesi di Pier Giuseppe Di Bernardo

Anteprima della tesi: Etica e Scrittura: l'esperienza dell'Altro nell'opera di Jacques Derrida, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Pier Giuseppe Di Bernardo Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2706 click dal 24/06/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.