Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prodotti tipici, azioni di marketing ed educazione alimentare: l'esperienza nelle scuole primarie di Reggio Emilia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 FASI DELLA LAVORAZIONE Dopo la macellazione, la coscia viene isolata dalla mezzena e messa in cella a 0°C per 24 ore. Le cosce impiegate per la produzione del Prosciutto di Parma non devono subire, tranne la refrigerazione, alcun trattamento di conservazione. Segue la rifilatura, con l’asportazione del grasso e della cotenna della zona mediale per favorire la salagione e conferire la forma tipica a coscia di pollo, con una perdita del 24% del peso. Grafico 2: Alcune fasi della lavorazione del Prosciutto di Parma DOP RIFILATURA SALAGIONE RIPOSO LAVATURA PRE-STAGIONATURA NELLE SCALERE SUGNATURA Durata: 20-25 giorni Durata: 2-3 mesi Favorisce la distribuzione e la penetrazione del sale. In stanzoni con finestre contrapposte Per ammorbidire gli strati superficiali

Anteprima della Tesi di Giulia Grazi

Anteprima della tesi: Prodotti tipici, azioni di marketing ed educazione alimentare: l'esperienza nelle scuole primarie di Reggio Emilia, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giulia Grazi Contatta »

Composta da 263 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6598 click dal 06/07/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.