Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La concorrenza e la collaborazione fiscale (UE e OCSE)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

eccessivi", fissando ammende per i trasgressori. Anche coloro che resteranno fuori dalla moneta unica devono "cercare di evitare" disavanzi eccessivi. 2.2 Obiettivi Sia la realizzazione del mercato unico che il completamento dell'Unione economica e monetaria hanno portato a nuove iniziative comunitarie nel campo dell'imposizione fiscale generale. L'eliminazione delle restrizioni alla mobilità dei capitali ha suscitato dei timori quanto al rischio che la concorrenza sul piano fiscale eroda le basi impositive nazionali, provocando dannose conseguenze per l'occupazione e la protezione sociale. Nel campo della politica fiscale generale la Comunità persegue pertanto un certo numero di obiettivi. 1. Un primo obiettivo, di vecchia data, è stato quello di evitare che le differenze tra le aliquote delle imposte indirette e i regimi fiscali portino a una distorsione della concorrenza all'interno del mercato

Anteprima della Tesi di Andrea Paolo Calato

Anteprima della tesi: La concorrenza e la collaborazione fiscale (UE e OCSE), Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Economia e ammninistrazione delle imprese

Autore: Andrea Paolo Calato Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2208 click dal 22/06/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.