Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La flessibilità ed il contratto collettivo nazionale bancari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Questo èscamotage non poteva funzionare in quanto l’Italia aveva già una precisa indicazione normativa (l’art.39 Cost) contenente il giusto iter formativo dei contratti collettivi nazionali e perciò la Corte Costituzionale salvò la legge delega solo perché essa avrebbe avuto efficacia provvisoria (1 anno). La successiva proroga del 1960 11 , che disponeva che il Governo era tenuto ad uniformarsi alle clausole degli accordi collettivi stipulati nei dieci mesi successivi all’entrata in vigore della legge 741/59, suscitò per lo stesso motivo dubbi di legittimità costituzionale. La Corte Costituzionale vagliò tali dubbi e accolse l’eccezione di incostituzionalità in quanto, mentre la legge 741/59 era una “legge transitoria, provvisoria ed eccezionale rivolta a regolare una situazione passata e a tutelare l’interesse pubblico alla parità di trattamento dei datori di lavoro e dei lavoratori […] anche una sola reiterazione della delega toglie alla legge i caratteri della transitorietà ed eccezionalità che consentono di dichiarare insussistente la pretesa violazione del precetto costituzionale”. 12 11 Legge 1° ottobre 1960, n. 1027. 12 Corte Costituzionale, decisione 19 dicembre 1962, n. 106.

Anteprima della Tesi di Matteo Garnero

Anteprima della tesi: La flessibilità ed il contratto collettivo nazionale bancari, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Matteo Garnero Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2291 click dal 22/06/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.