Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro temporaneo fra flessibilità e tutela

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 un elemento essenziale del sistema. La politica di protezione del lavoratore, non può più rimanere identica a quella del passato ma, occorrono invece, anche e soprattutto meccanismi nuovi, idonei a concretizzare politiche del lavoro attive a sostegno dei processi di mobilità. Il legislatore sta infatti dimostrando di aver preso consapevolezza che l’attuale ordinamento giuridico del lavoro si limita a realizzare unicamente la protezione degli occupati (insiders), a tutto discapito dei disoccupati (outsiders) 2 , abbandonati a se stessi ed ai vecchi uffici di collocamento ormai non più in grado di sopperire con efficienza alle esigenze del mercato del lavoro sempre più in evoluzione e sempre più alla ricerca di flessibilità 3 . Difatti, con l’emanazione della Legge 608/96 che prevede l’assunzione diretta del lavoratore, con il solo obbligo dell’ iscrizione nelle apposite liste, i Centri per l’impiego hanno visto ridursi notevolmente i loro compiti, limitandosi così, a svolgere semplici funzioni burocratiche di gestione delle liste. La bilancia risulta dunque pendere, verso una iper-tutela degli occupati, rispetto ad una sottotutela dei disoccupati e ciò giustificherebbe il mancato raggiungimento dei livelli di crescita occupazionale concordati in sede europea 4 . 2 Cfr. per tutti ICHINO “Il lavoro e il mercato” - Mondadori – 1996. 3 Solo il 4% di chi trova lavoro passa attraverso i Centri per l’impiego (Fonte Isfol). 4 Per il 2010, il tasso di occupazione totale medio per i Paesi dell’Unione Europea è fissato al 70%.Considerato che in Italia, nel 2001, il tasso di occupazione era ancora al 54,6%, per coprire il pesante ritardo che abbiamo rispetto a tutti gli altri Paesi europei (che nel 2000 segnavano già una media del 63,3%), non sarà sufficiente "assorbire" l'area della disoccupazione, bensì occorrerà "aggredire" anche l'area di coloro che, statisticamente, vengono classificati come "non interessati al lavoro".

Anteprima della Tesi di Nicola Barbaro

Anteprima della tesi: Il lavoro temporaneo fra flessibilità e tutela, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Nicola Barbaro Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4482 click dal 25/06/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.