Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interfaccia digitale della Pubblica Amministrazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 CAPITOLO 1 verso gli enti competenti, rispettare orari e giorni di apertura al pubblico dei vari uffici, comunicare ripetutamente la stessa informazione a sportelli diversi. Il concetto di “cliente” non significa necessariamente che le Amministrazioni debbano operare in un’ottica di profitto ma, più semplicemente, che il loro obiettivo diventa quello di erogare servizi in linea con le esigenze di che ne usufruisce: la soddisfazione di chi riceve il servizio è d’altra parte uno strumento fondamentale di verifica e controllo della sua qualità. Sotto un diverso aspetto, la partecipazione del privato alla “rivoluzione informatica” è favorita dalla necessità, per le amministrazioni pubbliche, di dotarsi di referenti interni ed esterni per la gestione dell’informatizzazione, considerato il grado di tecnicismo e professionalità specifiche che l’adozione di strumenti telematici comporta: forme di collaborazione politico-privato sono previste nella legge 415/1998 sugli appalti pubblici, laddove si rende possibile finanziare infrastrutture e servizi pubblici con risorse e capitali privati, con la conseguente e per certi versi innovativa partecipazione dei finanziatori ai proventi ricavati dalla commercializzazione degli stessi servizi 12 . Il fine ultimo, e comune, di questi sforzi è quello di presentare al pubblico una amministrazione capace di tenere conto del fattore tempo; di ragionare per problemi concreti e non per schemi astratti; di costare poco organizzandosi bene; di adoperare tutte le tecniche moderne per tenere i rapporti con i propri interlocutori; di ripensarsi e di ripensare alle proprie funzioni in raccordo con il mondo della ricerca e della produzione; di recuperare la sua funzione di soggetto imparziale capace di dirimere le diverse e talora discordanti posizioni soggettive, sintetizzandole in un interesse pubblico che coglie un’occasione di crescita nella gestione del conflitto e non si conserva nell’astrazione delle formule del linguaggio burocratico. Diviene quindi indispensabile creare le condizioni politiche di contesto favorevoli allo sviluppo della net-economy, alla diffusione delle nuove tecnologie in tutti gli ambienti e tra tutti i soggetti economici, sociali ed istituzionali. 12 La stessa informazione pubblica può diventare materia di scambio commerciale tra pubblico e privato, come illustrato al Capitolo 5.

Anteprima della Tesi di Marco Soprani

Anteprima della tesi: L'interfaccia digitale della Pubblica Amministrazione, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Soprani Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4904 click dal 29/06/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.