Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interfaccia digitale della Pubblica Amministrazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 INFORMATICA E DIRITTO 1.1 Profilo storico 1.2 Verso un nuovo modo di amministrare. 1.1 Profilo storico. L’avvento dell’informatica nel settore giuridico ha costituito non solo un supporto per la soluzione e lo snellimento delle normali procedure d’ufficio, ma anche l’occasione per ripensare da un punto di vista organizzativo l’intero insieme dei processi coinvolti. Già nel 1945 lo scienziato statunitense Vannevar Bush anticipò il concetto di personal computer connesso ad Internet 2 , descrivendo un dispositivo (Memex) che avrebbe dovuto permettere la memorizzazione di ogni sorta di libro, registrazione e comunicazione, gestendo i collegamenti tra i diversi dati con un metodo chiamato “indicizzazione associativa”. Nel 1949 Lee Loevinger 3 propose per la prima volta di definire gli obiettivi e le finalità che si potevano prospettare mediante l’utilizzo dei calcolatori nel settore giuridico. In questo senso, l’autore auspicava: sistemazione della normativa al fine di giungere all’applicazione di modelli e relazioni logiche tra le disposizioni (sia al loro interno che in relazione all’intero impianto normativo); applicazione concreta del calcolo 2 BUSH V., As we may think, July 1945, disponibile online su http://www.theatlantic.com/unbound/flashbks 3 LOEVINGER L., Jurimetrics, The next step forward in Minnesota Law Review, 1949.

Anteprima della Tesi di Marco Soprani

Anteprima della tesi: L'interfaccia digitale della Pubblica Amministrazione, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Soprani Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4904 click dal 29/06/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.