Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Forme di aggressione alla persona tramite strumenti telematici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La natura di Internet 5 1.3 Le diverse funzioni del computer negli illeciti informatici e telematici Le definizioni di crimine informatico differiscono a seconda della natura dell'illecito realizzato. Non tutte le attività operate mediante un elaboratore sono tali. Per esempio, quando viene rubato un codice di accesso telefonico al fine di accumulare crediti telefonici, pur essendo il sistema di accredito gestito da terminali remoti, il caso viene trattato quale "furto di traffico" telefonico, non come crimine informatico. Quando, invece, il dipendente di una banca altera in qualsiasi modo il funzionamento di un sistema telematico dell'ente, al fine di procurarsi un ingiusto profitto ai danni dell'ente o dei clienti, indirizzando su un conto corrente a lui intestato i centesimi di arrotondamento dei vari conti, il delitto è classificato come crimine informatico 6 . In generale, il computer può giocare tre ruoli distinti in un reato: 6 Le tecnologie avanzano ad un ritmo serrato, ed è facile che le fattispecie previste dalla legge vigente risultino inadeguate od inapplicabili, perché caratterizzate da elementi di tipicità del tutto incompatibili con nuove modalità di commissione generate dagli sviluppi tecnologici. Ne sono un esempio le nuove fattispecie della frode informatica (art. 640-ter c.p.) e dell'accesso abusivo a sistema informatico o telematico (art. 615-ter c.p.), come introdotte dalla legge 547/93. L'introduzione di queste fattispecie si è resa necessaria perché, ad esempio, la vecchia fattispecie di truffa prevista dall'art. 640 c.p., mal si prestava ad essere applicata alla condotta realizzata tramite un elaboratore. Il presupposto per una corretta applicazione era rappresentato dal necessario coinvolgimento della vittima, indotta in errore con artifici o raggiri, elemento che invece nella truffa realizzata tramite sistema informatico o telematico, si trasforma nell'alterazione in qualsiasi modo del funzionamento del sistema informatico o telematico (art. 640-ter. c.p.), mancando del tutto l'artifizio o il raggiro attuato nei confronti della vittima, sostituito dalla macchina.

Anteprima della Tesi di Francesco Bertolini

Anteprima della tesi: Forme di aggressione alla persona tramite strumenti telematici, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Bertolini Contatta »

Composta da 195 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3690 click dal 29/06/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.